Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Difende i nipotini al parco, pestato dalla baby gang

Ristoratore del centro al Pronto soccorso: «È l’ennesimo episodio». Tutti individuati gli aggressori

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

15 Aprile 2022 - 09:19

Difende i nipotini al parco, pestato dalla baby gang

Una baby gang in azione in foto di repertorio

CREMA - «Avevo dato le uova di Pasqua ai miei nipotini: usciti dal locale per rincasare, si sono avviati a piedi nel parco di Porta Serio. Poco dopo uno di loro è tornato indietro piangendo, raccontandomi che un gruppo di ragazzi li avevano minacciati e circondati derubandoli dei miei doni. Sono uscito e li ho affrontati chiedendo la restituzione delle uova di Pasqua. Per tutta risposta mi hanno aggredito. Erano una decina, tutti minorenni, alcuni di origine straniera». A parlare è un notissimo ristoratore 48enne cremasco ancora sbalordito e per quanto gli è accaduto mercoledì sera. La baby gang ha accerchiato i ragazzini, tutti di età intorno ai dieci anni, per rubare le loro uova di Pasqua. Quando lo zio ristoratore è intervenuto, lo hanno aggredito a calci e pugni, tanto che ha poi dovuto ricorrere alle cure del Pronto soccorso, dove è stato medicato e dimesso. Niente di grave, per fortuna, tanto che ieri era regolarmente al lavoro. Fortissima, invece, l’amarezza per quanto ha dovuto subire. A entrare in azione contro di lui una banda di una decina di adolescenti, poi identificati dai Carabinieri, arrivati sul posto dopo essere stati raggiunti dall’allarmata telefonata fatta dallo stesso ristoratore.


L’aggressione è avvenuta appena prima delle 20 ai giardini di Porta Serio. Lo stesso ristoratore ieri ha confermato l’accaduto. Sul posto è intervenuta un’ambulanza del servizio di emergenza del 118 della Croce Verde. Il personale sanitario ha medicato sul posto il 48enne rimasto contuso e poi lo ha caricato sull’autolettiga per portarlo al Pronto soccorso, dove è stato preso in consegna dai medici, che ne hanno verificato le condizioni. Fortunatamente per lui, non ha subito gravi conseguenze dal punto di vista fisico. «Si tratta dell’ennesimo episodio – prosegue il ristoratore –: nei giardini di Porta Serio imperversano da tempo questi giovani che fanno il bello e cattivo tempo». Lui lo sa bene, perché il suo locale è in zona. Ieri il 48enne ha sporto denuncia nei confronti dei suoi aggressori.


Una situazione preoccupante, che fa il paio con i casi delle ultime settimane, a cominciare dal pestaggio del 17enne, ad opera di un gruppetto di coetanei, che si era verificato un paio di settimane fa in via Carmelitani, una laterale del viale di Santa Maria, a due passi dal luna park. I carabinieri erano poi riusciti a identificare un 16enne, denunciato e finito agli arresti domiciliari. Per l’adolescente preso a calci e pugni una prognosi di trenta giorni e conseguenze psicologiche che non saranno facili da affrontare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400