Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Testata all'arbitro, individuato il calciatore violento: applicato il Daspo

Operazione della Digos. L'episodio sabato 4 dicembre 2021, a Cavatigozzi durante e dopo la partita Cava Digidue – RCC 20.20

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

03 Marzo 2022 - 13:49

Testata all'arbitro, individuato il calciatore violento: applicato il Daspo

CREMONA - Sabato 4 dicembre 2021, a Cavatigozzi durante e dopo la partita Cava Digidue – RCC 20.20, squadre che militano nel campionato di Premier Ship amatori, l’arbitro aveva annullato un gol alla squadra locale, scatenando le proteste dei locali e il tecnico di casa, entrato in campo per protestare, era stato espulso.

A quel punto i giocatori della Cava avevano circondato il direttore di gara e la situazione era degenerata e un atleta locale aveva dato una manata sulla nuca all’arbitro che, temendo per la propria incolumità fisica, aveva sospeso la gara rientrando negli spogliatoi.

All’atto dell’uscita si era ritrovato di fronte ancora un tesserato locale, che lo aveva colpito con una testata al volto. Al momento il tesserato non era stato identificato e l’arbitro era stato soccorso da un dirigente ospite e da un militare della Guardia di Finanza, presente sul posto libero dal servizio, che lo avevano aiutato a lasciare l’impianto.

digos

Con le testimonianze raccolte dalla Digos individuato il responsabile

Nelle settimane successive la Digos della Questura di Cremona, diretta da Gianluca Epicoco, ha provveduto a raccogliere le testimonianze delle persone presenti, effettuando una ricerca incrociata con gli elenchi dei tesserati acquisendo le fotografie delle persone coinvolte. Decisiva si è rivelata la collaborazione del militare della Guardia di Finanza che ha poi riconosciuto il tesserato permettendone l’identificazione, tenuto conto che l’arbitro, ancora sotto shock per l’aggressione subita, non era stato in grado di riconoscerlo.

L’ufficiale di gara aveva poi deciso di non ricorrere a cure mediche e non aveva sporto querela per le lesioni subite.

Al termine degli accertamenti, sulla base della segnalazione della Digos, la Divisione Anticrimine della Questura, diretta dal Dr. Giovanni Meuli, ha avviato l’iter per l’emissione di un provvedimento di divieto di accesso alle competizioni sportive (DASPO) a carico di un 27enne cremonese individuato come l’autore delle condotte.

Al termine dell’istruttoria il Questore di Cremona, Michele Davide Sinigaglia, ha firmato il provvedimento di DASPO della durata di 2 anni, notificato all’interessato nei giorni scorsi, durante i quali il 27enne avrà il divieto di accedere in tutti i luoghi su tutto il territorio nazionale e nel territorio dell’Unione Europea dove si svolgono manifestazioni sportive agonistiche di calcio, relative ai campionati professionistici, semi professionistici e dilettantistici, comprese le amichevoli dove siano designate equipe arbitrali ufficiali nonché in tutti i luoghi interessati allo svolgimento degli allenamenti delle squadre impegnate nei suddetti campionati. Avrà altresì il divieto di accedere anche ai luoghi limitrofi alle predette manifestazioni sportive e ai luoghi abitualmente utilizzati come ritrovo di partenze ed arrivi di tifoserie organizzate da due ore precedenti agli incontri fino alle due ore successive.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400