Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: IL QUADRO

Covid: in Lombardia 5.239 nuovi casi, in provincia di Cremona sono 261 e due morti

A livello regionale il tasso di positività è al 6,8%, ancora in calo i ricoveri. Nelle ultime 24 ore altri 45 decessi. Da marzo quarta dose agli immunodepressi

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

24 Febbraio 2022 - 18:02

Covid: in Lombardia 5.239 nuovi casi, in provincia di Cremona sono 261

CREMONA - Sono stati 261 i nuovi casi di positività al covid e due morti registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Cremona

Con 76.469 tamponi effettuati è di 5.239 il numero di nuovi positivi al Coronavirus registrati in Lombardia, con un tasso di positività in calo al 6,8% (ieri era al 7,5%). Il numero dei ricoverati diminuisce sia nelle terapie intensive (-20, 110) che nei reparti (-5, 1.196). Sono 45 i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 38.468.
Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 1.637 casi (di cui 685 in città), a Bergamo 364, a Brescia 660, a Como 268, a Cremona 261, a Lecco 158, a Lodi 93, a Mantova 272, a Monza e Brianza 433, a Pavia 295, a Sondrio 65 e a Varese 524.

Da martedì 1 marzo prenderà il via, anche in Lombardia, la somministrazione della quarta dose di vaccino alle persone immunodepresse. Una nuova fase della campagna vaccinale che vedrà coinvolti oltre 190.000 lombardi. Lo comunica la Direzione generale Welfare della Regione Lombardia. La quarta dose 'booster' è raccomandata, come indicato dalle autorità sanitarie nazionali, ai soggetti con marcata compromissione della risposta immunitaria per cause legate a malattia o a trattamenti farmacologici, e alle persone sottoposte a trapianto di organo solido. I pazienti immunocompromessi che sono stati vaccinati presso il Centro specialistico che li ha in cura potranno essere contattati per la somministrazione della quarta dose booster, a partire dal 1 marzo, nel rispetto della distanza di 120 giorni dall’ultima somministrazione. In alternativa, i cittadini potranno rivolgersi direttamente agli hub vaccinali diffusi sul territorio, presentando idonea documentazione.

Allo stesso tempo, la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, fa sapere che, contrariamente a quanto comunicato ieri, è prevista per martedì 1 marzo anche la partenza delle somministrazioni del nuovo vaccino Nuvaxovid - Novavax. «Le prime dosi - spiega Moratti al termine di una telefonata con il generale Francesco Figliuolo - verranno infatti consegnate alla Lombardia domenica 27 febbraio». Il nuovo vaccino verrà somministrato presso centri vaccinali dedicati, distribuiti capillarmente su tutto il territorio regionale. (ANSA)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400