Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: LE VACCINAZIONI

La campagna va al rallentatore: meno di 50 dosi al giorno

Trend di flessione consolidato: nell’ultima settimana 338 vaccinati, in quella precedente 1.722

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

19 Febbraio 2022 - 05:25

La campagna va al rallentatore: meno di 50 dosi al giorno

CREMONA - Rallenta il ritmo dei nuovi vaccinati in provincia. Nell’ultima settimana se ne sono aggiunti 338. Nel periodo tra il 27 gennaio e il 10 febbraio il numero delle adesioni alla campagna era stato molto superiore, pari a 1.722 persone, dunque una media di 861 ogni sette giorni. Gli ultimi dati sulle somministrazioni, aggiornati a giovedì, sono stati resi noti ieri dall’Azienda tutela della salute Val Padana, che a sua volta elabora i numeri forniti da Poste e dal Siavr, l’anagrafe vaccinale regionale. Il totale provinciale dei vaccinati è salito a 298.489 persone contro i 298.151 del 10 febbraio e i 296.429 del 27 gennaio. La percentuale dei residenti nel territorio che hanno ricevuto almeno la prima dose rimane ferma all’87%: è la stessa della settimana scorsa. Gli aventi diritto in provincia sono oltre 342 mila, mancano all’appello quasi 44 mila residenti.

Tra le fasce di età, l’incremento tra i bambini, vaccinabili da meno di due mesi, è stato dell’1%. Erano 8.900 la scorsa settimana (42% degli aventi diritto) sono saliti a quota 9.041 (43%). Per quanto riguarda gli adolescenti (fascia 12-19 anni), sono l’86% i vaccinati almeno con prima dose. In numeri assoluti significa 22.782 ragazzi e ragazze, con un più 30 unità in sette giorni. Tra i 20enni è confermato il 90% di adesioni alla campagna che equivale a 30.350 prime dosi: qui l’incremento in una settimana è stato di soli 10 ragazzi. Altrettanto impercettibile l’aumento tra i 30enni: 7 nuovi vaccinati in più del 10 febbraio, che portano il totale a 33.347, pari all’87%. Nella fascia 40-49 anni le persone che hanno aderito alla campagna sono 45.008. Qui, per effetto di un ricalcolo da parte del sistema è stata comunicata addirittura una diminuzione di 11 unità. In termini percentuali siamo all’88%.

C’è poi la parte di popolazione che supera i 50 anni, per la quale da martedì è scattato l’obbligo di Green pass rafforzato per poter lavorare (sia nel pubblico, sia nel privato). Chi non è vaccinato viene dunque sospeso senza stipendio. Nelle settimane che avevano seguito la decisione del governo di introdurre questo obbligo il numero degli over 50enni che si era vaccinato era cresciuto in maniera significativa. Nella fascia 50-59 anni erano 52.329 i residenti in provincia vaccinati al 27 gennaio, (90%) passati a 52.456 (91%) la scorsa settimana. Negli ultimi sette giorni questo ritmo è notevolmente rallentato, con soli 57 nuovi vaccinati 52.513. Tra i 60enni le adesioni alla campagna sono arrivate a 42.731, 23 in più del 10 febbraio (92%). Ancora più alta la percentuale tra chi ha superato i 70 anni, pari al 94% (35.386, 27 vaccinati in più della scorsa settimana). Infine, i più anziani. Sopra le 80 primavere i vaccinati sono 27.231. Erano 60 in meno sette giorni fa. La percentuale di copertura degli aventi diritto è il 93%.

Dall’inizio della campagna la Asst di Cremona ha erogato 462.722 dosi, di cui 306.750 di Pfizer, 45.243 di AstraZeneca, 104.420 di Moderna e 6.309 di Johnson&Johnson. L’Azienda socio sanitaria territoriale di Crema ha raggiunto quota 299.623. Anche qui Pfizer fa la parte del leone con 207.465 dosi, 28.643 sono di AstraZeneca, 60.630 di Moderna e 2.885 di Johnson&Johnson. Le vaccinazioni anti Covid somministrate in altre strutture (Residenze sanitarie assistenziali, privati e farmacie) sino a questo punto sono state 55.706, di cui 44.612 dosi di Pfizer, 7.404 di AstraZeneca, 3.494 di Moderna e 196 di Johnson&Johnson. Di conseguenza il totale dei vaccini somministrati a livello provinciale dall’inizio della campagna ha raggiunto le 818.051 unità.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400