Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA VISITA

Casalmaggiore, il saluto del prefetto Gagliardi al sindaco Bongiovanni

A poco più di dieci giorni dal suo pensionamento, il rappresentante del Governo è stato accolto in municipio dal primo cittadino

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

19 Gennaio 2022 - 14:17

Casalmaggiore, il saluto del prefetto Gagliardi al sindaco Bongiovanni

Il prefetto Vito Danilo Gagliardi e il sindaco Filippo Bongiovanni

CASALMAGGIORE - A poco più di dieci giorni dal suo pensionamento - che scatterà a mezzanotte del 31 gennaio -, il prefetto Vito Danilo Gagliardi si è recato a Casalmaggiore a salutare il sindaco Filippo Bongiovanni. Il rappresentante del Governo, accolto in municipio dal primo cittadino qualche minuto dopo le 11.30, ha ricordato di essere stato nel capoluogo casalasco nel 2019, dopo aver convocato in sala consiliare il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, che riunisce le massime autorità provinciali. Era martedì 1 ottobre. “Volevo ci fosse un coinvolgimento di tutte le realtà territoriali per fare un focus sulle infiltrazioni criminali”. In quella occasione il prefetto parlò del “virus delle pressioni di tipo illecito che può infettare la cosa pubblica” invitando a non sottovalutare i segnali. Erano presenti anche l’ex questore Carla Melloni, il procuratore capo Roberto Pellicano, il tenente colonnello Salvatore Gueli, responsabile sezione operativa DIA di Brescia, il colonnello Marco Piccoli, comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Cesare Maragoni, comandante provinciale della Guardia di finanza e i sindaci.


“Al sindaco Bongiovanni - ha detto il prefetto - riconosco una grande partecipazione ed una grande capacità di analizzare le questioni nel dettaglio. Abbiamo avuto diversi incontri e, nonostante sia un polemista - ha sorriso -, ci siamo sempre capiti al volo. Con lui non abbiamo mai avuto alcun motivo di scontro. C’è sempre stata da parte sua una grande sinergia con la prefettura”.

“Polemista - si è schermito il sindaco, ringraziando per le parole di elogio -, ma con chi magari non lavora o non fa il suo dovere”. Bongiovanni ha ricordato anche i primissimi momenti della pandemia: “Tra il 20 e il 22 febbraio 2020 il prefetto ci chiamò invitandoci a reperire delle strutture in grado di dare eventuale ospitalità alle persone. Ci siamo mossi in anticipo rispetto al lock down ed è stato un bene”. Il prefetto ha aggiunto che “questi tre anni sono volati. Io mi sono trovato così bene a Cremona che ho deciso di viverci. Sono già nella mia casa”. Il dottor Gagliardi già conosce il nome del suo successore, che arriverà “entro i primi venti giorni di febbraio”. L’unica cosa che si è lasciato sfuggire è che ha esperienze in polizia. “D’ora in poi potrò dedicarmi a conoscere meglio il territorio”. Anche dall’alto: il dottor Gagliardi è un appassionato pilota di droni, con tanto di patentino: “Ho immagini meravigliose del Po e dei suoi scenari”.

FOTO: FOTOLIVE/RAFFAELE RASTELLI

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400