Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: LE VACCINAZIONI

Covid, protetti dalla terza dose. L’hanno fatta in 143.000

Già coperto il 41% dei residenti in provincia: Cremona terza in regione per somministrazioni. Ecco tutti i dati Comune per Comune: Sospiro corre veloce, bene Soncino e Casalbuttano

Elisa Calamari

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

10 Gennaio 2022 - 05:25

Covid, protetti dalla terza dose. L’hanno fatta in 143.000

CREMONA - Sono circa 143 mila i cremonesi che, a sabato, hanno già ricevuto la terza dose. Vale a dire quasi il 41% della popolazione residente in provincia. Un dato tutt’altro che scarso. E infatti Cremona si colloca al terzo posto in regione per somministrazioni booster, preceduta solo dalla provincia di Lecco (oltre il 46% degli abitanti ha già ricevuto la terza dose di vaccino anti Covid) e dalla provincia di Varese, con poco meno del 41%. Stando ai dati regionali, la ‘maglia nera’ va alla provincia di Sondrio con solo il 34% di somministrazioni booster.

I DATI IN PROVINCIA DI CREMONA

E mentre proseguono anche le inoculazioni delle prime dosi (che hanno fatto registrare un’impennata negli ultimi giorni per effetto dell’imminente obbligo vaccinale per gli over 50) e delle seconde dosi per i ritardatari che hanno deciso di vaccinarsi alla fine del 2021, va detto che nel Cremonese fra i paesi dove si corre più velocemente con le vaccinazioni aggiuntive c’è ancora una volta Sospiro: è già a quota 52% e dunque nettamente al di sopra della media regionale. Dati buoni anche a Soncino (il 49% dei residenti ha già ricevuto la terza dose), Casalbuttano e Isola Dovarese (46%) e Crema dove per effetto del boom di contagi da attribuire alla variante Omicron diventata presto prevalente, già il 45% dei cittadini ha ricevuto il booster di Moderna o Pfizer. Vale a dire 15.557 cittadini. Le percentuali sono comunque abbastanza alte un po’ in tutto il territorio cremasco, mentre nel Casalasco ci sono centri dove non si va oltre il 26%, ad esempio Spineda e Martignana Po. Anche Casalmaggiore resta un po’ indietro, perché solo 4.643 cittadini su 15.127 hanno ricevuto il booster. Ma d’altra parte anche la percentuale relativa al primo ciclo completo di vaccinazione è più bassa rispetto al resto della provincia: attorno al 77%. Infine il capoluogo Cremona, dove le dosi booster già somministrate sono circa 30 mila.

VACCINAZIONI, LOMBARDIA AL TOP

In tutta la regione al 7 gennaio è stato raggiunto circa l’88% di copertura vaccinale fra la popolazione over 12 (ai fini statistici non è ancora considerata la fascia infantile in quanto le somministrazioni sono iniziate da poco tempo) e su un totale di 20.083.000 somministrazioni, 7 milioni e 870 mila sono state prime dosi; 8 milioni e 118 mila fra seconde dosi e dosi uniche del Vaccino J&J; 4 milioni e 95 mila addizionali booster. Nel 69% dei casi è stato somministrato il vaccino Pfizer, nel 14% circa il vaccino Moderna. Considerando come target la giornata infrasettimanale di venerdì 7, la Lombardia resta al primo posto in Italia come numero di somministrazioni, con 101 mila inoculazioni giornaliere. Di queste, il 3,3% ha riguardato la provincia di Cremona, mentre a farla da padrona è stata naturalmente la provincia di Milano. A livello nazionale, dopo la Lombardia si piazzano Campania, Lazio e Sicilia. Fanalino di coda per numero di somministrazioni giornaliere fra prime, seconde e terze dosi è stata invece la Valle d’Aosta: poco più di un migliaio in 24 ore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400