Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS. I CONTROLLI

Capodanno «blindato: stretta anti-assembramenti

Nessuna festa è in programma: ma il rischio è nelle piazze

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

31 Dicembre 2021 - 05:30

Capodanno «blindato: stretta anti-assembramenti

CREMONA - Festa in piazza nemmeno organizzata, controlli rafforzati. Sorvegliate le zone della movida dove è più alto il rischio assembramenti. Per il secondo anno consecutivo, anche a Cremona come a Crema e in tutta la provincia la notte di San Silvestro sarà «blindata». In una circolare inviata ai prefetti di tutta Italia, il ministero dell’Interno ha invitato le forze dell’ordine a controlli intensi e mirati nelle giornate festive e prefestive, in particolare nelle zone centrali delle città e in quelle dove ci sono più locali. L’obiettivo: far rispettare le norme anti-Covid, in particolare l’obbligo della mascherina anche all’aperto e il divieto di assembramenti. E così Cremona e le città italiane si preparano ad intensificare i controlli, anche per verificare il rispetto della normativa prevista dal decreto festività.


COMITATO DELL'ORDINE DELLA SICUREZZA.

La «stretta di Natale» è stata pianificata un mese fa al tavolo del Comitato dell’Ordine e della Sicurezza pubblica convocato dal prefetto, Vito Danilo Gagliardi. «Uno studio di valutazioni di disponibilità di forze, ben sapendo che gli obiettivi da andare a controllare saranno diversi, sparsi su tutta la provincia». Dai ristoranti ai bar, ai mercati. Una «stretta» passata anche anche dall’invito «sentito e partecipato» del prefetto ai rappresentanti delle associazioni di categoria.

L’invito «a sensibilizzare i vostri iscritti, il proprio personale deputato all’attività di controllo» affinché nei locali, bar, ristoranti si facciano entrare «solo ed unicamente le persone dotate di Green pass». «E questo — aveva sottolineato il prefetto — a scanso di situazioni assolutamente spiacevoli, che dispiacciono anche all’ufficio controlli della Prefettura. Dispiace dover poi prendere provvedimenti, rendere ancor più pesante una sanzione già di per sé elevata. Tutti hanno necessità di lavorare e di incassare».

carabinieri

In campo Polizia, Polizia stradale, Polfer, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale e Polizia locale

Ma se per incassare «si chiude un occhio, a chi tocca non s’ingrugna». Dall’invito all’avvertimento: sarà «ficcante» l’attività di controlli coordinata dalla Questura. In campo Polizia, Polizia stradale, Polfer, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale e Polizia locale.

Non potremo lasciar passare», aveva sottolineato il prefetto Gagliardi, ribadendo che «questa è una provincia che ha sofferto tanto e che inizia di nuovo a soffrire. Io credo che i cittadini, spesso sotto le feste, abbiano il sacrosanto diritto di sapere che se entro in un locale, sono tutti dotati di Green pass. I tamponi lasciano il tempo che trovano. È un servizio che facciamo a noi stessi e alla comunità».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400