Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALBUTTANO

Con la zampogna di Marcello il Natale è in musica

Il fiorista Berbenni suona le arie per le vie e nelle Rsa. E domenica concerto in San Giorgio dell’orchestra diretta da Maggioni

Luca Ugaglia

Email:

redazione@laprovinciacr.it

17 Dicembre 2021 - 05:10

Con la zampogna di Marcello il Natale è in musica

Marcello Berbenni

CASALBUTTANO - Sotto la torre di Norma il Natale si accende in musica. Quella liberata dalle note di Marcello Berbenni che con la sua zampogna è pronto a girare per le vie del paese intonando le antiche laudi e le canzoni tipiche della festa più amata dell’anno.

Origini bergamasche, in quel di Casalbuttano il 63enne è approdato per ragioni di lavoro e da anni coadiuva la compagna nella gestione di un negozio di fiori. «Quando sono arrivato qui – spiega il pensionato con il tipico accento orobico – ho visto subito che bisognava un po’ rinverdire la tradizione, così sei anni fa ho comprato una zampogna e ho imparato a suonarla da solo perché sono autodidatta, nessuno mi ha insegnato. Mi chiamano dappertutto, nelle case di riposo, nelle parrocchie e negli oratori e vado anche fuori provincia, a Milano, Brescia e Bergamo». 

L’iniziativa autonoma del signor Marcello è senza dubbio molto gradita e apprezzata dai cittadini e dal sottoscritto

LA SERA DELL'ANTIVIGILIA. Il consueto appuntamento con Casalbuttano è in programma la sera dell’antivigilia. Da solo, sfidando freddo e gelo, Marcello, come sempre percorrerà i quartieri del paese cercando di creare, con il suono caratteristico di questo strumento artigianale, l’atmosfera di calore e serenità che da quasi due anni purtroppo la pandemia sta soffocando.

A richiesta, Marcello si ferma volentieri, tra una canzone e l’altra, per fare gli auguri ai bambini che naturalmente rimangono incuriositi. «L’iniziativa autonoma del signor Marcello è senza dubbio molto gradita e apprezzata dai cittadini e dal sottoscritto – afferma il sindaco Gian Pietro Garoli – perché contribuisce a tenere viva la tradizione e portare una ventata di serenità, ottimismo e speranza; per questo lo ringrazio anche perché con Santa Lucia e Babbo Natale, oltre ai bambini, ai quali hanno distribuito caramelle, lunedì è venuto a trovare anche il sottoscritto. Ne approfitto per esprimere la mia gratitudine anche ai miei compaesani perché quest’anno si sono superati nell’abbellire con le loro luminarie cancelli, balconi e alberi. Purtroppo anche quest’anno sarà un Natale piuttosto contenuto perché non dobbiamo dimenticarci che il Covid c’è ancora e sono dunque vietati gli assembramenti, ma le iniziative per farci gli auguri con le dovute cautele non mancano».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400