Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMOSANO

Scuolabus, un'autentica odissea. Fornaroli: «Ma servizio garantito»

Atteso per la scorsa primavera, forse arriva a Natale. Il sindaco: «Intanto usiamo quello vecchio»

Gianluca Maestri

Email:

redazione@laprovinciacr.it

13 Dicembre 2021 - 05:10

Scuolabus, un'autentica odissea. Fornaroli: «Ma servizio garantito»

Il sindaco Marco Fornaroli e lo scuolabus utilizzato dagli studenti di Cremosano e Casaletto Vaprio

CREMOSANO - Una telenovela. Rischia di essere ricordato così l’acquisto congiunto del nuovo scuolabus da parte dei Comuni di Cremosano e Casaletto Vaprio. Sì, perché il nuovo mezzo, destinato a sostituire quello in uso oggi ormai vecchio, sarebbe dovuto arrivare nella primavera scorsa ma per via di problemi vari è ancora fermo ai box. La concessionaria presso cui il Comune di Cremosano (che è capofila dell’accordo con Casaletto Vaprio) l’ha comprato, la Falc di Spoleto, continua ad annunciare ritardi nella consegna. L’ultimo l’ha fatta slittare alla fine di quest’anno. Il nuovo mezzo, un Iveco Daily 3000 da quaranta posti, è costato 106.429,57 euro, spesa suddivisa a metà fra i due Comuni proprietari.

RITARDI SU RITARDI

Il termine di consegna era stato fissato al 23 aprile scorso, non rispettato per via di problemi dovuti, secondo la Falc, alla pandemia da Covid-19. Alla fine di agosto la ditta umbra comunicava agli amministratori cremosanesi e a quelli casalettesi l’arrivo del telaio ed il collaudo del veicolo entro fine settembre. Niente da fare però neanche per quella data perché un difetto di fabbrica del rallentatore ha fatto slittare il collaudo al 15 novembre, altra scadenza non rispettata. Fortunatamente i ragazzini di Cremosano e di Casaletto Vaprio non rimarranno a piedi. Il mezzo pronto per la pensione (o per la rottamazione) funziona ancora, anche se con qualche acciacco, ma nel caso dovesse fermarsi per sempre la Falc è pronta a fornire uno scuolabus sostitutivo finché non sarà pronto quello nuovo, pagando anche i costi dell’assicurazione temporanea e stipulando al riguardo una fidejussione di 15.000 euro a garanzia del suo impegno.

STUDENTI TUTELATI

«Ci sono stati problemi tecnici - spiega il sindaco di Cremosano Marco Fornaroli - che hanno ritardato la fornitura del nuovo scuolabus. Alla scorsa settimana la data di consegna era stata fissata a fine dicembre. Nei prossimi giorni risentirò la Falc per fare il punto della situazione. Sicuramente gli studenti di Cremosano e Casaletto Vaprio non rimarranno a piedi visto che la concessionaria ha proposto la soluzione del veicolo sostitutivo con anche una fidejussione a garanzia di ulteriori oneri. Tengo anche a precisare che il nostro scuolabus storico sta funzionando in piena sicurezza con il supporto di assistenza a bordo fatto dai nostri volontari che garantiscono l’apertura e la chiusura manuali di una delle porte. È tutto a norma. Intanto - conclude il primo cittadino - i giovani del nostro gruppo civico di maggioranza consiliare Cremosano insieme nel 2000 hanno adattato l’autorimessa del complesso comunale alle dimensioni del nuovo scuolabus, che è leggermente più lungo dell’attuale, avendo un posto in più».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400