Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

I NODI DEL TRASPORTO

Cremona, zona stazione più sicura: c'è il piano anti-caos

Vicino ai pullman installati dissuasori, specchi e una nuova segnaletica. Ripristinati alcuni semafori

Bibiana Sudati

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

05 Dicembre 2021 - 05:25

Cremona, zona stazione più sicura: c'è il piano anti-caos

CREMONA - Rafforzamento della segnaletica orizzontale e verticale; installazione di specchi e dissuasori di velocità sulla pista ciclabile; ripristino dei semafori e inserimento di un nuovo impianto in uscita; allargamento della banchina di carico e scarico passeggeri; progetto di riorganizzazione strutturale del piazzale prendendo a modello Brescia.

SICUREZZA DELLA STAZIONE. Sono alcuni degli interventi di breve e lungo termine emersi venerdì scorso durante l’incontro avvenuto tra i referenti del Comune, degli autisti, delle aziende del trasporto pubblico locale e della Polizia locale, organizzato per discutere sulla sicurezza della stazione degli autobus in via Dante.

Obiettivo: trovare una soluzione alla situazione caotica che quotidianamente si sta vivendo nello scalo. Qui, nelle ore di punta, transitano un migliaio di studenti e si muovono una novantina di mezzi, raddoppiati rispetto al passato a causa delle corse aggiuntive inserite a causa del Covid. Un marasma, secondo gli autisti di Arriva Italia che, attraverso i loro rappresentanti sindacali (Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferro), all’inizio di ottobre avevano inviato al prefetto Danilo Vito Gagliardi una lettera-denuncia elencando rischi e criticità della zona, definendo la stazione «una bomba ad orologeria».

L'INCONTRO. La riunione è avvenuta in loco attorno alle 8,30, preceduta nei giorni scorsi da diversi sopralluoghi da parte dei tecnici comunali. Presente l’assessore Simona Pasquali, i rappresentanti sindacali, il direttore TPL Massimo Dell’Acqua, direttore d’area di Arriva Giovanni Piccinni, l’ad di Line Luca Del Barba, il direttore di Aem Marco Pagliarini, la comandante della Polizia Locale Mariarosa Bricchi.

«È stato un incontro molto concreto – sottolinea Pasquali – dove tutte le parti coinvolte si sono dimostrate molto collaborative e focalizzate sulla soluzione del problema. Alcune misure, come quella che coinvolge la segnaletica e gli impianti semaforici, saranno realizzati in tempi molto stretti. Mentre, la riorganizzazione complessiva del comparto, che richiede una riflessione più accurata e uno stanziamento ad hoc, sarà oggetto di successivi incontri e valutazioni».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cirio2

    05 Dicembre 2021 - 12:41

    Altro disastro all'orizzonte, ogni volta mettono mano si salvi chi può !

    Report

    Rispondi