Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

PALAZZO PIGNANO

Zanoncelli chiede scusa: "Gesto non voluto, non ho mai pensato di uccidere mia moglie"

Attesa per le ore 13 la sentenza nei confronti dell’operaio di 57 anni accusato di aver ucciso la consorte Morena Designati

Francesca Morandi

Email:

fmorandi@laprovinciacr.it

22 Novembre 2021 - 10:44

Zanoncelli chiede scusa: "Gesto non voluto, non ho mai pensato di uccidere mia moglie"

CREMONA - «Chiedo scusa per un gesto non voluto,  mi rendo conto della gravità, non ho mai pensato di uccidere mia moglie, le volevo bene». Lo ha dichiarato Eugenio Zanoncelli prima  che la Corte di assise si ritirasse in camera di consiglio. È attesa verso le ore 13 la sentenza nei confronti dell’operaio di 57 anni accusato di aver ucciso con un pugno ed un colpo di stampella al volto, sua moglie Morena Designati, 49 anni, gravemente malata di sclerosi multipla, la sera del 24 giugno 2020 nella villetta in via De Nicola, a Palazzo Pignano. Il pm Milda Milli aveva chiesto la condanna all’ergastolo per omicidio volontario, l’avvocato Maria Laura Quaini, difensore di Zanoncelli,  di riqualificare il fatto in omicidio preterintenzionale. La Corte (presidente Anna di Martino) è in camera di consiglio dalle 10.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400