Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA: SCUOLA & DISAGI

Termosifoni gelati, al Munari studenti in classe col cappotto

Segnalata temperatura siberiana in diverse aule dell'edificio scolastico, problemi per alunni e insegnanti

Dario Dolci

Email:

redazione@laprovinciacr.it

03 Novembre 2021 - 15:38

Termosifoni gelati, al Munari studenti in classe col cappotto

CREMA - In classe con sciarpa e cappotto. Arriva la stagione fredda e i problemi legati alla temperatura all’interno degli istituti scolastici si ripropongono puntualmente. La prima lamentela arriva da un genitore di un’alunna che frequenta la sede di largo Falcone e Borsellino dell’istituto superiore Munari. «Mia figlia – afferma Paolo Martinenghi - frequenta il quinto anno del liceo delle Scienze umane. La ragazza mi riferisce un problema di temperatura siberiana nella sua e in altre aule dello stesso edificio scolastico. Gli studenti svolgono l'attività quotidiana con indosso il cappotto e la sciarpa e anche le insegnanti sono costrette ad utilizzare tale abbigliamento». Ad aggiungere neve su ghiaccio è la normativa legata alla situazione sanitaria, che impone di provvedere al ricambio dell’aria tra un’ora di lezione e l’altra. «Al cambio orario – prosegue Martinenghi – è obbligatorio arieggiare la classe, come previsto dalle norme anti-Covid. Questo non fa che peggiorare la situazione». I docenti della scuola devono subire anch’essi il problema delle basse temperature, al quale tocca alla Provincia, ente responsabile dell’edilizia scolastica di secondo grado, rimedare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400