Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TRAGEDIA A SONCINO

Incidente mortale a Gallignano: vittima un 27enne di Casalmorano

Tremendo schianto frontale lungo la ex statale 498: ferito in modo serio un 29enne di Milano

Andrea Arco

Email:

andreaarco23@gmail.com

30 Ottobre 2021 - 20:14

Gallignano, grave incidente: strada bloccata

SONCINO - A meno di un anno dall’incidente mortale che vide come vittime due giovani del paese, sulla Statale Soncinese tra il borgo e Fontanella si è consumata un’ulteriore tragedia. A perdere la vita un 27enne di Casalmorano, coinvolto in un frontale con la sua Ford Fiesta rimasta schiacciata dalla Dacia Duster di un 29enne di Milano. Lunghi e intensi, ma vani, i tentativi di rianimazione. L’elisoccorso bresciano è infine decollato dopo tre ore tornando vuoto al Civile. 


La strada vischiosa, la pioggia battente, le nebbie e il buio. Su questo cupo scenario è stata scritta la triste storia del doloroso sabato sera soncinese. L’incidente, la cui dinamica è ancora al vaglio dei carabinieri di Camisano e Montodine, è avvenuto alle 19.15 sull’ex Statale 498 all’altezza dello svincolo che porta alla frazione di Gallignano. Secondo le prime sommarie ricostruzioni la Dacia Duster, guidata dal giovane milanese, sarebbe provenuta da Soncino, mentre la berlina del cremonese dal versante bergamasco. Il ragazzo di Casalmorano, probabilmente, stava facendo ritorno a casa. Ma non ci è mai arrivato perché, per cause ancora ignote, i due veicoli hanno improvvisamente impattato frontalmente con una violenza inaudita. Polverizzata la Fiesta, ridotta a un cumulo di lamiere.

Sul posto, avvisati da una passante, si sono immediatamente precipitati i soccorsi con autoambulanze da Crema e dal Bergamasco e un elicottero decollato da Brescia, poi atterrato nel campo attiguo. Divelte dai Vigili del Fuoco di Crema e Orzinuovi quelle parti d’auto che impedivano di estrarre dall’abitacolo i feriti, sono immediatamente scattate le manovre salvavita. Il milanese è stato stabilizzato e condotto d’urgenza al Maggiore di Crema. Sono proseguiti per oltre un’ora, invece, i tentativi estremi di rianimazione per il cremonese classe ‘94. I sanitari hanno sfidato le temperature rigide e la pioggia, non fermandosi neppure per un secondo ma alla fine non hanno potuto far altro che constatare il decesso. Da quel momento sono entrati in campo i militari per cominciare a ricostruire la scena e sempre a loro è stato affidato l’infausto compito di contattare la magistratura, ma soprattutto la famiglia del giovane. Sul posto è arrivato anche il primo cittadino Gabriele Gallina.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400