Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

NEL CREMASCO

Arresti e denunce, controllo straordinario del territorio da parte della Polizia

Al setaccio stazione ferroviaria, mercato cittadino, parcheggi, locali pubblici al fine da contrastare scippi, furti in appartamento e borseggi

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

19 Ottobre 2021 - 14:06

Arresti e denunce, controllo straordinario del territorio da parte della Polizia

CREMA - Il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Crema ha attivato in questi giorni operazioni di controllo a vasto raggio nelle zone maggiormente frequentate e ritenute più sensibili come: la stazione ferroviaria, mercato cittadino, parcheggi, locali pubblici al fine da contrastare fenomeni criminosi diffusi quali gli scippi, i furti in appartamento e i borseggi.

L’attività, che ha visto l’impiego di numerose unità operative - coordinate dal vice questore Bruno Pagani - si è conclusa con i seguenti risultati: 

  • PERSONE IDENTIFICATE: nr. 154
  • AUTOMEZZI CONTROLLATI: nr. 59
  • POSTI DI CONTROLLO SULLE STRADE PRINCIPALI: nr. 15
  • ESERCIZI PUBBLICI CONTROLLATI: nr.6
  • CONTROLLO SOGGETTI AGLI ARRESTI DOMICILIARI: nr. 45

GLI ARRESTATI. Nello specifico è stato tratto in arresto un cittadino marocchino di anni 31 residente a Ripalta Cremasca, con precedenti per reati contro il patrimonio e la persona. L’uomo è stato sottoposto a controllo all’interno di un esercizio pubblico di piazza Aldo Moro da parte di una volante intervenuta per una lite; lo stesso, in evidente stato di ebbrezza, dapprima rifiutava di fornire le propria generalità e successivamente inveiva contro gli agenti, minacciandoli e colpendoli con calci e pugni. Gli agenti sono riusciti a immobilizzarlo ed accompagnarlo in Ufficio dove hanno accertato che era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari disposta dal Tribunale di Cremona nel settembre del 2021 e senza autorizzazione non avrebbe potuto allontanarsi dal proprio domicilio di Ripalta Cremasca. Lo straniero è stato tratto in arresto per i reati di: Evasione, Resistenza e Lesioni a Pubblico Ufficiale e condotto la mattina successiva innanzi al Giudice del Tribunale di Cremona che ha convalidato l’atto ed applicato la misura della custodia cautelare in carcere. Gli agenti hanno dovuto ricorrere alle cure mediche presso l’Ospedale cittadino.

Una 40enne italiana di origine bulgara, residente a Crema, con precedenti penali per reati contro il patrimonio e la persona nonché in ambito di stupefacenti, che si era resa responsabile nelle ultime settimane di diversi furti, è stata tratta in arresto ed associata presso la casa circondariale di Brescia in esecuzione del provvedimento della custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Cremona. Detta misura, richiesta all’A.G. dal Commissariato, si rendeva necessaria in quanto la donna ha violato gli arresti domiciliari.

Un 47enne originario dell’India, residente ad Agnadello, è stato indagato in stato di libertà per il reato di Falso materiale (art. 482 c.p.) per aver esibito durante un controllo di polizia, mentre si trovava alla guida della propria autovettura in via Treviglio, una patente indiana che presentava delle palesi difformità rispetto agli standard previsti. Il documento è stato sequestrato in quanto ritenuto contraffatto e l’uomo segnalato all’A.G.

Un 30enne residente a Crema è stato indagato per danneggiamento e porto di oggetti atti ad offendere. L’uomo è stato trovato in possesso di una mazza in legno lunga circa 120 cm con la quale poco prima aveva danneggiato alcune cassette postali e delle porte di un condominio ubicato ad Ombriano.

Una nota pregiudicata di anni 40 residente a Bagnolo Cremasco, sorpresa durante un controllo da parte di una volante nei pressi della stazione ferroviaria, è stata indagata per inottemperanza al divieto di far ritorno nel comune di Crema previsto dal provvedimento di Foglio di Via Obbligatorio (F.V.O.) emesso dal Questore di Cremona nell’agosto del 2021.

Sono state invece cinque le persone segnalate alla Prefettura di Cremona ai sensi dell’art.688 c.p. perché trovate in evidente stato di ubriachezza, di cui: una donna e due uomini italiani che in un locale infastidivano i clienti e due uomini che nei pressi della stazione disturbavano i viaggiatori in attesa.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400