Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

DOVERA

Retta gratis alla materna comunale fino alla fine del 2021

Il Comune stanzia 10 mila euro: 75 famiglie non pagheranno i 30 euro mensili, agevolazione automatica

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

15 Settembre 2021 - 16:04

Retta gratis alla materna comunale fino alla fine dell'anno

DOVERA - Un impegno economico di circa 10 mila euro complessivi a favore delle 75 famiglie del paese che hanno i propri figli

Questa iniziativa è stata possibile grazie ai contributi di cui l’ente locale è stato beneficiario nell’anno 2020, in quanto appartenente alle zone maggiormente colpite dal Coronavirus

iscritti alle materne comunali di Dovera e Postino. Sino a fine anno, i genitori non pagheranno la retta mensile di frequenza. Quattro rate che verranno coperte con fondi stanziati dall’amministrazione locale. Ad essi si potranno aggiungere mamme e papà che dovessero iscrivere i bimbi nei prossimi mesi. «Abbiamo deciso – sottolinea il sindaco Mirko Signoroni – di garantire questo periodo di gratuità, mentre per i bambini che restano a pranzo, il buono mensa rimarrà a carico dei genitori. Questa iniziativa è stata possibile grazie ai contributi di cui l’ente locale è stato beneficiario nell’anno 2020, in quanto appartenente alle zone maggiormente colpite dal Coronavirus. Si tratta di fondi che erano confluiti successivamente nell’avanzo di amministrazione vincolato. Tra le scelte possibili, abbiamo optato per contribuire alle spese scolastiche a vantaggio delle famiglie con bambini». La giunta garantisce così un risparmio medio di 120 euro a famiglia, ovvero i 30 euro di retta mensile sino a dicembre compreso. Un’esenzione totale che non richiede, da parte dei genitori, la compilazione di moduli o richieste. L’agevolazione, infatti, va in automatico. Mamme e papà devono solo ricordarsi di non effettuare i versamenti relativi alle tariffe di settembre, ottobre, novembre e dicembre sulla piattaforma online PagoPA, abilitata per il pagamento delle rette di frequenza. Da gennaio la situazione tornerà alla normalità, dunque le famiglie provvederanno di nuovo ai costi legati alla frequenza dei bambini. «Ci è sembrato importante dare un segnale a chi ha figli – conclude Signoroni –: più avanti metteremo a disposizione fondi anche per le elementari e le medie, per ribadire la nostra attenzione al mondo dell’infanzia e alle scuole del paese. Un aiuto economico concreto nei confronti delle famiglie che nell’ultimo anno e mezzo di pandemia hanno dovuto fare grandi sacrifici per tenere sovente a casa i figli in didattica a distanza».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400