Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LO SFREGIO

I pasti per le famiglie fragili gettati nella roggia

Il sindaco di Sesto Cremonese: "Vicini a scovare i responsabili, stiamo valutando la denuncia"

Luca Ugaglia

Email:

redazione@laprovinciacr.it

09 Settembre 2021 - 17:55

I pasti per le famiglie fragili gettati nella roggia

SESTO CREMONESE - Piatti di pastasciutta, carne e altri alimenti ancora sigillati gettati nella roggia che scorre lungo via Pizzighettone nella frazione di Luignano. Sono i pasti del servizio a domicilio garantito dal Comune alle famiglie che sul territorio sono più in difficoltà. Evidentemente qualcuno non li gradisce e ha pensato bene di liberarsene nella maniera più insensata e incivile che ci può essere. Alcuni residenti, però, li hanno notati e hanno subito segnalato l’episodio ai cantonieri. Informata dell’accaduto il sindaco Francesca Maria Viccardi, oltre a condannare il gesto, ha incaricato i vigili di indagare con la massima tempestività per risalire all’identità dei responsabili e sanzionarli.

«Solitamente – spiega il primo cittadino – utilizziamo gli strumenti in dotazione alla Polizia locale per disincentivare i comportamenti che offendono il senso civico e il decoro, ma questa volta non potendo contare sulla tecnologia, siamo stati aiutati da alcuni privati cittadini; siamo insomma sulla strada giusta per individuare gli autori di questo abbandono, che oltre ad inquinare e deturpare l'ambiente, rappresenta una forma molto grave di malcostume che colpisce dal punto di vista etico e morale, perché è stata sprecata una quantità considerevole di alimenti che avrebbero potuto essere destinati ad altre persone bisognose. Con gli elementi in mano alla polizia locale – conclude Viccardi – stiamo valutando la possibilità di sporgere denuncia, anche se a colpire nell'intimo è il consumo di un bene prezioso come il cibo che resta inspiegabile».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cirio2

    09 Settembre 2021 - 23:43

    Sono gli stessi "bisognosi" a cui lo donate di solito non autoctoni..... ma continuiamo a pensare che siano bisognosi forza.

    Report

    Rispondi