Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

AFGHANISTAN AI TALEBANI

Profughi in fuga: «Il loro futuro una sfida per tutti noi»

Forza Italia si interroga: le analisi dell’ex ministro Mauro e dell’europarlamentare Salini

Andrea Gandolfi

Email:

agandolfi@laprovinciacr.it

03 Settembre 2021 - 10:51

Profughi in fuga: «Il loro futuro una sfida per tutti noi»

CREMONA - Si è parlato anche di Loqman Niazai e Ramazan Ahmadzai, i due afghani residenti da anni a Cremona, e della loro fuga disperata insieme alle famiglie da Kabul, caduta in mano ai talebani, nell’incontro on line andato in Rete ieri sera in diretta sulla pagina Facebook del Gruppo Forza Italia Giovani Cremona dal titolo «Noi e l’Afghanistan». Ad organizzare l’evento Saverio Simi, coordinatore dei giovani Azzurri mentre ospiti d’eccezione sono stati l’ex ministro della Difesa Mario Mauro e l’europarlamentare Massimiliano Salini.


«Ci è sembrato doveroso approfondire quanto sta accadendo perché riguarda tutti – ha spiegato Simi –. In queste settimane è

In queste settimane è stato possibile contribuire in vari modi alla catena di aiuto che creata per soccorrere i fuggitivi. Ma è adesso, che ci si deve rimboccare le maniche

stato possibile contribuire in vari modi alla catena di aiuto che creata per soccorrere i fuggitivi. Ma è adesso, che ci si deve rimboccare le maniche». Perché oltre ai mille salvati negli ultimi frenetici giorni di agosto, ce ne sono altri tremila che hanno attraversato le frontiere premendo verso l’Occidente, come ha spiegato Mauro nella presentazione condensando la complessa storia di un Paese che si inserisce ora in un contesto geopolitico profondamente cambiato «Ed è la misura del suo cambiamento che ci deve riguardare: molti cercano nell’Occidente che li ha abbandonati il rifugio delle loro sofferenze dopo avere conosciuto un periodo di relativo benessere e democrazia – ha sottolineato Mauro –. L’Afganistan resta un paese facile da conquistare ma difficile da mantenere per qualsiasi governo: il futuro è quindi incerto». Cosa può fare l’Europa? «La sfida è potenziare la sovranità comunitaria in ottica geopolitica e umanitaria – ha indicato la rotte Salini –. Ce lo impone ora il dramma dell’Afghanistan ma ci servirà anche per tanti altri scenari».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400