Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CORONAVIRUS: LE VACCINAZIONI

Mille prime dosi disponibili. E ora il siero è «last minute»

La campagna è nella fase matura. Nei prossimi tre giorni a Crema prenotazioni pressoché inutili

Stefano Sagrestano

Email:

stefano.sagrestano@gmail.com

01 Settembre 2021 - 08:25

Mille prime dosi disponibili. E ora il siero è «last minute»

Una vaccinazione nell’hub di Crema

CREMA - Sino a qualche settimana fa il problema di chi doveva prenotare la prima dose del vaccino era quello di attendere anche un mese. Diverse persone, per accelerare i tempi in vista delle vacanze, avevano anche accettato di recarsi fuori sede. Adesso accade esattamente il contrario. C’è la concreta possibilità di prenotare la prima dose nell’arco di 24 ore, con la sicurezza di riceverla sotto casa. Sia gli hub del distretto cremonese (CremonaFiere, Nuovo Robbiani di Soresina e Casalmaggiore), sia il centro massivo dell’ex tribunale di Crema, hanno una sovrabbondanza di posti: centinaia ogni giorno. Il motivo? Evidentemente la campagna vaccinale ha raggiunto e superato il suo apice. Pare cominciata insomma la fase di discesa. Se l’avvento del Green pass, con i conseguenti obblighi legati ad esso, ha convinto molti scettici, lo zoccolo duro dei no vax sembra impossibile da scalfire. Da qui la progressiva diminuzione del numero di prenotazioni. A livello provinciale la copertura completa ha superato il 70% della popolazione target (sono esclusi coloro che per ragioni di salute non possono ricevere il vaccino). Ormai, il totale delle dosi somministrate (prima e seconda) è prossimo al mezzo milione. Restano ancora fuori molti giovani e giovanissimi, oltre il 30% della fascia tra i 12 e i 29 anni, e ci sono numeri importanti di trentenni e quarantenni non ancora coperti.

«Per questa settimana abbiamo disponibilità di 250 prime dosi per la giornata di domani (oggi, Ndr), di 350 per giovedì e di

Alcune categorie, come gli over 60enni e il personale scolastico, non hanno nemmeno bisogno di registrarsi online. Possono recarsi direttamente al centro vaccinale di riferimento

altrettante per venerdì – spiega il direttore sanitario dell’Asst di Crema Roberto Sfogliarini –: in totale sono quasi 1.000 posti liberi, dunque chi volesse prenotarsi, tramite il sistema regionale, può farlo con la certezza di ricevere il vaccino entro le 24 ore». Ieri, sono state poco più di 800 le persone che si sono recate nell’ex tribunale per la somministrazione, compresi ovviamente molti che hanno ricevuto il richiamo. Nei prossimi giorni, questo numero, molto lontano dai picchi di 1.500 dosi del mese scorso, è destinato a ridursi ulteriormente. Alcune categorie, come gli over 60enni e il personale scolastico, non hanno nemmeno bisogno di registrarsi online. Possono recarsi direttamente al centro vaccinale di riferimento. Un’opportunità che Regione sta dando ormai da settimane. A Cremona la situazione è del tutto simile a quella del distretto cremasco. «Siamo sostanzialmente fermi con le prenotazioni di prime dosi – spiegano da CremonaFiere –: i posti liberi sono centinaia ogni giorno». C’è da capire se il quasi completato rientro dalle ferie, porterà ora a una ripresa delle prenotazioni, soprattutto tra le fasce giovanili. Da non dimenticare, infatti, che per tornare a svolgere attività agonistica a tutti i livelli e in tutte le discipline, il Green pass è obbligatorio, a meno di non voler sottoporre i figli a tamponi rapidi ogni due giorni e per un’intera stagione sportiva. Stesso discorso per gli adulti che vogliano tornare in forma, magari iscrivendosi in palestra o dedicandosi al nuoto in piscina coperta. Tra gli addetti ai lavori c’è comunque qualche dubbio in merito, proprio in considerazione del fatto che la spinta della campagna vaccinale sembra essersi ormai affievolita in maniera definitiva.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400