Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Agguato a un 16enne fuori da CremonArena, arrestato per tentato omicidio

L'episodio risale allo scorso 4 aprile. In carcere Saber Boughanmi, 24 anni, diversi precedenti di polizia per rapine, furti, minacce

Francesca Morandi

Email:

fmorandi@laprovinciacr.it

31 Agosto 2021 - 12:32

Agguato a un 16enne fuori da CremonArena, arrestato per tentato omicidio

CREMONA - La sera del 4 aprile scorso, aveva rubato la bici ad un ragazzino di 16 anni che stava giocando a tennis nei campi di CremonArena, la struttura  vicino alle piscine comunali. Dopo il furto, era tornato a casa, si era  cambiato i vestiti ed era tornato sul piazzale. Dove aveva teso l’agguato al minore. Con un coltellaccio da cucina, gli aveva piantato tre colpi alla testa. La stessa sera, il bandito era scappato in Francia. Ora è nel carcere di Sanremo accusato di tentato omicidio, arrestato dalla polizia di frontiera a Ventimiglia. Si tratta di Saber Boughanmi, 24 anni, diversi precedenti di polizia per rapine, furti, minacce. Uno conosciuto alla squadra mobile, che, diretta dal dirigente Marco Masia, ha condotto l’indagine coordinata dal sostituto procuratore Chiara Treballi.

L’operazione è stata illustrata oggi in conferenza stampa. Le immagini registrate dalle telecamere sul piazzale mostrano il tunisino vestito con una tuta nera, che arriva sul piazzale. Si accovaccia dietro i campi da tennis. Individua vittima e bicicletta. Dopo aver rubato la bicicletta, il bandito è tornato a casa. Cambio di abiti. Si è vestito da donna: pantaloni neri a pois bianchi, sopra pantaloncini rosa. E’ tornato in bicicletta sul piazzale. Con sé aveva un coltellaccio da cucina. Ha fatto qualche giro, si è nascosto, ha atteso che il sedicenne uscisse. Poi si è fatto vedere con la bici. L’ha mollata a terra e quando il sedicenne si è avvicinato per prenderla, il tunisino lo ha colpito tre volte. Quindi, la fuga.

L’allarme è stato subito lanciato alla Polizia. Sul posto le Volanti e la Squadra mobile. Grazie alla descrizione fornita dalla vittima e alle immagini registrate dalla telecamera, chi ha indagato ha subito capito chi fosse il bandito. Il giorno dopo, la polizia si è presentata a casa di Boughanmi. E' stato trovato il coltello sporco di sangue, gli abiti indossati nel piazzale. Lui non c’era. Era già scappato in Francia. E’ stato diramato un mandato di cattura europea. In questi cinque mesi, il tunisino ha vissuto indisturbato Oltralpe.

Nei giorni scorsi, durante un controllo,, non avendo con sé i documenti e dichiarando false generalità, è stato portato alla frontiera. Dal controllo effettuato dalla polizia di Ventimiglia, è emerso che nei suoi confronti c’era un mandato di cattura e una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Cremona su richiesta del pm Treballi. Lo straniero è stato arrestato. Le indagini non sono terminate. Forse il ladro era tornato sul piazzale per rapinare il ragazzino. Lo ha accoltellato. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400