Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA: IL CASO

Parcheggi a pagamento in città, tabelloni kappaò da 50 giorni

Indicano sempre lo stesso numero di posti liberi: automobilisti disorientati. Nuova app per pagare

Antonio Guerini

Email:

aguerini@laprovinciacr.it

25 Agosto 2021 - 08:47

Parcheggi a pagamento in città, tabelloni kappaò da 50 giorni

Da quasi due mesi ormai il numero di posti liberi a Crema è sempre quello

CREMA - «Stiamo lavorando per voi, ma al momento il sistema dei tabelloni elettronici, che dovrebbero comunicare in tempo reale quanti posti auto liberi a pagamento ci sono in una determinata zona della città, ancora non è attivo». Così ieri dalla Ica srl, la nuova società che gestisce gli stalli blu per conto del Comune, hanno spiegato il disservizio che centinaia di cremaschi hanno notato e subito nelle ultime settimane. I tabelloni informativi, infatti, indicano sempre lo stesso numero di parcheggi liberi in diverse zone della città, ad esempio sotto il mercato coperto di via Verdi o in piazza Moro. «Sono in corso le verifiche tecniche sul sistema dei sensori, confermiamo comunque che la passata gestione (la Gestopark di Albissola, Ndr) aveva installato i dispositivi in ogni parcheggio e che gli stessi sono funzionanti» aggiungono dalla società cremasca. I tabelloni sono posizionati lungo le principali arterie di accesso alla città, in modo da indirizzare gli automobilisti verso le zone con stalli liberi.

Da segnalare che, rispetto alle prime settimane di luglio, quando non si poteva pagare la sosta tramite smartphone, sono tornate attive le applicazioni Easy park e Tap and park. In più è stata introdotta una terza opzione: Flow. Insomma, è sempre più veloce e facile per chi ha un briciolo di dimestichezza con i device, pagare la sosta e tenere sotto controllo i tempi di parcheggio tramite il proprio smartphone. A 50 giorni dall’avvio del nuovo contratto tra Comune e Ica srl è dunque questa la situazione che si presenta ai cremaschi in vista della ripresa lavorativa. Chi ogni giorno raggiunge il centro si augura che per settembre il disservizio legato al mancato funzionamento dei tabelloni elettronici venga risolto. Il sistema, introdotto ormai tre anni fa, era stato studiato con una doppia finalità: facilitare gli automobilisti nella ricerca del parcheggio e, di conseguenza, diminuire i tempi di percorrenza dei veicoli, abbattendo così le emissioni di gas serra e i consumi di carburante. Una scelta in chiave ecologica, confermata anche per il prossimo quinquennio, ovvero per la durata del nuovo contratto siglato dalla giunta Bonaldi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400