Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Rivoluzione quartiere Po, maxi-finanziamento da 15 milioni

Tutto a nuovo: polo dello sport, Lungo Po, fornace Frazzi, scuola materna, alloggi Sap e i parchi Sartori e Tognazzi

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

22 Luglio 2021 - 10:43

Rivoluzione quartiere Po, maxi-finanziamento da 15 milioni

CREMONA - Il Comune di Cremona ha ottenuto 15 milioni di euro per il bando ministeriale sulla qualità dell’abitare del quartiere Po: lo annuncia il vicesindaco Andrea Virgilio. Che spiega: "Nei prossimi anni partirà  un progetto imponente di rigenerazione urbana". Gli interventi previsti riguardano:

  • la scuola materna ‘Martiri della libertà’ con demolizione dell’attuale struttura a rischio sismico e la costruzione di un nuovo polo per l’infanzia;
  • l’ex fornace Frazzi con messa in sicurezza e realizzazione di spazi espositivi e per associazioni;
  • il complesso sportivo a Po con la riqualificazione della pista ciclabile, degli spogliatoio di calcio e pattinaggio, del piazzale Azzurri d’Italia;
  • il lungo Po con nuova pavimentazione e nuovo arredo urbano per aree di socialità;
  • gli alloggi Sap (servizio abitativo pubblico) di via Vecchia e via Valdipado con riqualificazione energetica ed eliminazione delle barriere architettoniche;
  • la riqualificazione del Parco Sartori e del parco Tognazzi.


Accanto agli interventi strutturali, comprensivi anche di impianti fotovoltaici e opere idrauliche e viabilistiche, anche interventi sociali presso contesti abitativi difficili e in sinergia con la comunità del quartiere e della città. "Il progetto - precisa Virgilio - ha un costo di oltre 15 milioni di cui 255mila già finanziati sulla scuola e 240mila di cofinanziamento da parte del Comune. Nei prossimi mesi sarà dunque fondamentale confrontarci con i cittadini soprattutto rispetto ad alcuni contesti che verranno riqualificati".

Il maxi-piano che coinvolge il quartiere Po darà un nuovo volto e, soprattutto, nuovi contenuti ad una zona nevralgica di Cremona. "La città si trasforma - afferma Virgilio -, deve farlo con attenzione alla valorizzazione di quei luoghi che offrono identità e appartenenza. Lo deve fare rispettando il passato ma con un approccio innovativo, sostenendo l’iniziativa privata e imprenditoriale e promuovendo progetti di qualità per ottenere quelle risorse straordinarie in grado di riqualificare il patrimonio pubblico e le aree verdi, lo deve fare con uno sguardo alle fragilità sociali soprattutto in questa fase incerta per tante famiglie.
Un ringraziamento al nostro sindaco, ai colleghi di giunta e ai diversi settori dell’ente, perché è stato fatto un gran bel lavoro di squadra".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400