Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASTELLEONE. AGGREDITA SULLA CICLABILE

«Mi ha colpita all’improvviso. Grazie alle due persone che mi hanno prestato soccorso»

La 26enne ancora sotto shock. Azione investigativa serrata: visionate le telecamere del territorio

Matteo Berselli

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

10 Luglio 2021 - 12:04

«Mi ha colpita all’improvviso. Grazie alle due persone che mi hanno prestato soccorso»

La zona in cui è avvenuta l'aggressione

CASTELLEONE - «Si è svolto tutto velocemente. Lo spavento è stato forte e ci tengo a ringraziare le due persone che si sono fermate e mi hanno prestato soccorso. Non mi sento di aggiungere altro, tra la botta e la stanchezza non mi sento molto in forma».

Per riannodare i fili della memoria e ripercorrere gli istanti, concitati, dell’aggressione, è probabilmente presto. Le servirà più tempo. La 26enne colpita alle spalle ieri mattina lungo la ciclabile per Santa Maria Bressanoro si limita a poche, peraltro eloquenti, parole. Dimessa dall’ospedale di Crema con una prognosi di quindici giorni, non è tanto, o comunque non è solo, la ferita alla nuca a turbarle i pensieri. L’interrogativo attorno al quale si avvitano sia le riflessioni della vittima, sia quelle degli investigatori, è essenzialmente uno: perché? Perché alle 7.40 un uomo l’ha colpita da dietro mentre camminava sulla ciclabile? È stata un’aggressione mirata o casuale? L’ipotesi di un agguato a scopo di rapina appare debole da sostenere: difficile immaginare che chi va a passeggio porti con sé del denaro o dei preziosi. Più accreditate altre due tesi, ovvero quella di un’azione predatoria a sfondo sessuale oppure il gesto di uno squilibrato.

Finché il soggetto non verrà individuato e interrogato, impossibile trovare una risposta ai molti, comprensibili, dubbi che tuttora avvolgono la vicenda. Ed è proprio questo che disturba: l’essere costretti ad arrovellarsi ancora, l’esigenza di continuare a chiedersi la ratio di un così inusuale atto di violenza. Una spiegazione, non importa se scomoda o banale, probabilmente aiuterebbe a metabolizzare l’accaduto, ma senza conoscere l’identità dell’aggressore e nemmeno cosa possa aver ispirato il suo attacco, alimenta tanto lo sconcerto quanto l’inquietudine.

Sul fronte delle indagini, i carabinieri delle compagnie di Cremona e Crema non hanno mai mollato la presa, continuando la caccia all’uomo per l’intera giornata ed estendendola anche ai territori di Fiesco, Trigolo e Salvirola. Fino alla tarda serata di ieri, gli sforzi non avevano dato esito ma in ogni caso l’azione investigativa non si arresterà. I carabinieri per identificare l'uomo stanno anche visionando tutte le telecamere del territorio.

Le indagini stanno proseguendo a ritmo serrato per cercare di risalire all’identità del fuggitivo e per restituire ai castelleonesi la libertà di camminare serenamente lungo la ciclabile, anche addentrandosi nei campi, senza avvertire la necessità di voltarsi alle spalle e di controllare gli angoli del sentiero. Una libertà che da ieri mattina, inutile negarlo, è stata forse per la prima volta intaccata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400