Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SANITÀ

La maggioranza: "Sì al nuovo ospedale, ma da solo non basta"

Odg di Poli, Manfredini e Pasquetti: "DEA di secondo livello e attenzione ai servizi territoriali di prossimità"

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

08 Luglio 2021 - 16:49

La maggioranza: "Sì al nuovo ospedale, ma da solo non basta"

CREMONA - La maggioranza consiliare ha presentato un ordine del giorno "a sostegno del percorso di condivisione tra ASST, Comune e Provincia per la realizzazione del nuovo Ospedale e di nuovi servizi sociosanitari", si legge in una nota diffusa dai capigruppo Roberto Poli (PD), Enrico Manfredini (Fare Nuova la Città-Cremona Attiva), Lapo Pasquetti (Sinistra per Cremona).

"La costruzione del nuovo Ospedale deve da un lato trovare momenti di confronto con gli enti territoriali, gli amministratori, gli operatori e i cittadini - spiegano i firmatari dell'ordine del giorno -. Dall’altro lato non può prescindere da un rilancio dell’Ospedale stesso e del sistema sociosanitario che sarà peraltro ridisegnato dalla riforma della legge 23/2015. Rilancio significa anche puntare al riconoscimento di un dipartimento di emergenza-accettazione di II livello, assente in tutto il territorio della ATS Valpadana, che richiede l’apertura/riapertura di tutti i reparti necessari per soddisfare i requisiti specifici di tale livello. Rilancio significa anche un forte investimento in termini di risorse umane e di innovazione tecnologica. La realizzazione del nuovo Ospedale deve inoltre necessariamente comportare una rinnovata attenzione ai servizi territoriali di prossimità, a partire dalla realizzazione di presidi multispecialistici e di integrazione sociosanitaria per la presa in carico della situazioni di fragilità e di cronicità".

IL TESTO INTEGRALE DELL'ORDINE DEL GIORNO

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400