Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SCANDOLARA RAVARA

Incendio doloso in un campo, torna l'incubo piromane seriale

E' successo vicino alla strada che collega il paese alla provinciale 85 Bassa di Casalmaggiore

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

08 Luglio 2021 - 12:06

Incendio doloso in un campo

SCANDOLARA RAVARA - Mentre a Wembley era in corso la semifinale degli Europei di calcio tra Inghilterra e Danimarca, ieri sera c’era qualcuno intento ad appiccare il fuoco a un campo di stoppie, vicino alla strada che collega il paese alla provinciale 85 Bassa di Casalmaggiore passando di fianco alla Chiesa Vecchia “Madonna della Pace”. E subito il pensiero è andato al piromane, rimasto ignoto e impunito, che ha imperversato nella zona tra agosto e settembre del 2019. 

A lanciare l’allarme e a chiamare i vigili del fuoco e i carabinieri è stato Gianluca Veronesi, presidente dell’associazione Amici della Golena. “Stavamo andando a svolgere un servizio antibracconaggio a Motta Baluffi, lungo il Po, quando percorrendo la strada bassa abbiamo notato un fuoco sulla nostra sinistra - racconta Veronesi -. Così ho chiamato i vigili del fuoco e i carabinieri”. Il gruppo degli Amici della Golena era composto da sei persone, tre guardie ittiche della Fipsas e tre volontari dell’associazione. Sul posto sono sopraggiunti i militari dell’Arma di Sospiro oltre ai pompieri di Cremona con un’auto pompa serbatoio che ha avuto ragione del rogo.

“Di lì a poco - prosegue Veronesi - ci siamo spostati di poco e con l’ausilio di uno dei nostri monocoli abbiamo visto un altro fuoco, nella zona vicina all’azienda del legno Braga”. A lato della strada, durante le operazioni di spegnimento del fuoco, si è radunato un gruppetto di cittadini, mentre l’odore del fumo era nettamente percepibile nella parte occidentale del paese. Gli Amici della Golena hanno successivamente svolto il loro servizio antibracconaggio.

Due anni fa si erano verificati una decina di casi analoghi, evidentemente dolosi, lungo l’asse della strada Bassa di Casalmaggiore. Il 26 agosto il primo caso, nella zona ex Roserpa ad Agoiolo, frazione di Casalmaggiore, poi altri fatti analoghi avvennero a Scandolara il 29 agosto, il 31 agosto, l’1 e il 2 settembre, il 3 ancora a Scandolara e a Motta Baluffi, il 4 e il 10 settembre a Gussola, il 13 e il 14 ancora a Scandolara. In tutti i casi si è sempre trattato di stoppie e di sterpaglie, senza danni particolari, ma si può dire che fosse andata bene, perché con il fuoco non si dovrebbe mai scherzare. La situazione può sempre degenerare. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400