Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SAN GIOVANNI IN CROCE

Asolana, boccata d’ossigeno. Parte il conto alla rovescia

Primo atto dell’Anas: sarà riasfaltata la parte che attraversa San Giovanni, uno dei più rovinati

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

08 Luglio 2021 - 10:09

Asolana, boccata d’ossigeno. Parte il conto alla rovescia

SAN GIOVANNI IN CROCE - Nell’estate sarà rimessa a nuovo la strada statale 343 Asolana nel tratto che attraversa il centro

Entro qualche settimana avremo l’Asolana rinnovata in paese

abitato di San Giovanni in Croce.
Si tratta di una notizia tanto attesa dal sindaco Pierguido Asinari, da anni alle prese con le problematiche dell'arteria che taglia in due il paese, e da tutti i cittadini che abitualmente transitano lungo l’arteria: «Finalmente. Entro qualche settimana avremo l’Asolana rinnovata in paese. Non è stato semplice, è un problema che assilla San Giovanni da molto tempo fino alla situazione degli ultimi mesi, divenuta insostenibile tra vibrazioni e inquinamento acustico provocato dal passaggio dei mezzi pesanti su un manto stradale sgretolato e in più punti completamente sfaldato». La strada, passata di competenza da Provincia di Cremona ad Anas lo scorso maggio, è stata oggetto di attenzione negli ultimi anni da parte del Comune, che ha esercitato continue pressioni agli enti competenti per giungere a una riqualificazione della stessa.


«Dopo anni di tavole rotonde, lettere, reclami, telefonate, confronti spesso anche accesi, è per me una grande soddisfazione oggi poter dare questa notizia», commenta il primo cittadino. «Negli anni ho bussato alle porte di molti, interessando anche i cinque consiglieri regionali del territorio, chiedendo un supporto ad Arpa per misurare l'inquinamento acustico provocato dalla strada dismessa, proponendo ai miei cittadini una raccolta di materiali audio e video dalle loro abitazioni che dimostrassero chiaramente il disagio da loro vissuto quotidianamente tra lampadari oscillanti e sedie che si muovono sulle vibrazioni del pavimento».

Ora però si guarda avanti e i disagi sembrano avere ormai i giorni contati con una tabella di marcia dei lavori suddivisa in tre fasi: «Si partirà a metà luglio con un primo intervento a cura di Padania Acque — spiega il sindaco — che dovrà risolvere una problematica di cedimento di un tratto di fognatura sotto la statale. Terminato questo lavoro Anas prenderà in carico l’asfaltatura della strada, infine il Comune procederà con gli interventi di prevenzione all’incidentalità con installazioni di passaggi pedonali a segnaletica luminosa che aumenteranno la sicurezza dei pedoni. È stato e sarà un lavoro molto complesso, che però ridarà a San Giovanni una percorribilità rinnovata, maggiore sicurezza e la meritata tranquillità a cittadini ed esercizi commerciali. Ringrazio l’ingegnere Antonio Di Vito di Anas e il presidente di Padania Acque Cristian Chizzoli che si sono adoperati in prima persona per far sì che i lavori potessero iniziare in tempi ragionevoli, e l'ufficio tecnico comunale che mi ha affiancato in questi anni fino a giungere alla soluzione», conclude Asinari.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400