Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

AGOIOLO

Recuperati grossi contenitori portati in zona golenale dalla piena del Po

Grazie a Giuseppe Boles, Antonio Roffia, Marco Orlandi e Mosé Amadu. Tre ore di lavoro intenso e complicato

Davide Bazzani

Email:

redazione@laprovinciacr.it

29 Giugno 2021 - 13:39

Recuperati grossi contenitori portati in zona golenale dalla piena del Po

AGOIOLO (CASALMAGGIORE) - Importante azione ecologica grazie a Giuseppe Boles, Antonio Roffia, Marco Orlandi e Mosé Amadu, originario del Ghana, con il recupero di grossi contenitori portati in zona golenale dalla piena del Po. Tre ore di lavoro intenso e complicato.

“Il più delle volte - afferma Boles - siamo noi esseri umani per pigrizia o semplice negligenza ad imbrattare quelle zone che più di altre avrebbero bisogno di maggior attenzione proprio perché lontane da centri abitati e quindi meno raggiungibili dagli addetti ai lavori. In alcuni casi invece è la natura stessa a causare il danno portandosi dietro spazzatura indesiderata. E’ accaduto tre anni fa con l’ultima esondazione del Po, che raggiungendo l’argine di cinta ha trascinato due enormi cubi in

A noi tutti, nessuno escluso, tocca il sacrosanto compito di non girarsi dall’altra parte quando vediamo certe situazioni

plastica e metallo finiti purtroppo all’interno di una piccola lanca nei pressi di Agoiolo”. 

Prosegue Boles: “Se non fosse stato per l’incentivo offertomi dal professor Marco Orlandi, probabilmente io stesso non mi sarei attivato in tal senso e di questo me ne pento perché a noi tutti nessuno escluso tocca il sacrosanto compito di non girarsi dall’altra parte quando vediamo certe situazioni. Con fatica e grazie all’aiuto indispensabile dell’amico Antonio “il Nomade” Roffia e del suo aiutante ghanese Mosè siamo riusciti nella non facile operazione. Purtroppo il livello dell’acqua della lanca si era notevolmente abbassato ed è servita tutta la potenza di catene e pick-up per trascinarlo sulla terra ferma". 

Boles ringrazia anche Emanuele Bernardelli di Casalasca Servizi Spa che, tempestivamente avvisato, procederà allo smaltimento di quanto recuperato. “Il Covid tra le devastanti conseguenze ha portato tuttavia ad una riscoperta della zona golenale - osserva Boles -. Una crescente fetta di cittadini desidera riappropriarsi della zona più selvaggia e pura del nostro territorio che gratuitamente riesce a restituirci molto più di quanto noi tutti abbiamo saputo fare per lei in questi decenni. Ecco perché tenerla pulita è il minimo sindacale per chi come me si sente eterno debitore verso questi boschi, cuore verde pulsante di Casalmaggiore e frazioni”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400