Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

I CONTROLLI

Zona bianca, movida osservata speciale

Misure allentate, ma guardia alta. Alcol a minori e assembramenti: denunciato un barista del centro

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

13 Giugno 2021 - 10:13

Da domani zona bianca, movida osservata speciale

CREMONA - A Cremona e provincia il debutto della zona bianca, previsto per domani (lunedì 14), sarà all’insegna della massima sicurezza. C’è un concetto che sottende ognuna delle novità tanto auspicate nei mesi più duri e «blindati» della pandemia: il calo dei contagi e la «ritirata» del Coronavirus, su tutti i fronti, è un’occasione unica, da non mancare, perché è proprio rispettando adesso le regole basilari che sarà possibile arrivare a settembre nelle condizioni migliori per liquidare il Covid una volta per tutte. La gran parte delle attenzioni è rivolta ai giovani e alla movida, un fronte che la scorsa estate ha creato non pochi problemi, soprattutto nei luoghi di villeggiatura dove i cluster legati a discoteche e locali alla moda a un tratto si sono moltiplicati.

Che la partita sia importante, anzi, decisiva, lo dimostra l’assetto varato dalle forze dell’ordine, che, a livello locale, hanno incrementato i controlli ancora prima del passaggio in zona bianca. E questa non è stata una mossa inutile, a giudicare dall’esito dei controlli amministrativi condotti nelle scorse ore del personale della Questura di Cremona – Divisione P.A.S.I., Squadra Accertamenti, con il concorso dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. L’altro ieri sera gli agenti hanno condotto un’ispezione presso un locale di largo Boccaccino durante la quale sono state identificate 27 persone, tutti avventori. Nel corso del controllo, gli agenti hanno sorpreso a consumare alcolici due ragazzi minorenni, uno dei quali minore di 16 anni. Al titolare del locale, che sarà deferito all’autorità giudiziaria per somministrazione di bevande alcooliche a minori, è stata comminata una sanzione amministrativa per aver somministrato alcolici a un minore di anni 18. Gli è stata anche contestata la sanzione per il mancato rispetto della normativa di contrasto al Covid-19, per il mancato distanziamento dei clienti all’interno del locale. Questo intervento è un segnale fin troppo chiaro per tutti i gestori di esercizi pubblici di città e provincia. Non c’è alcuna intenzione di abbassare la guardia. Le condotte non in linea con le regole base per fermare i contagi sono e saranno perseguite senza alcuna esitazione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400