Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

MADIGNANO

Appello di padre Maccalli: non scordiamo suor Gloria, rapita in Mali

Il missionario cremasco era stato rapito in Niger il 17 settembre 2018 e liberato il 9 ottobre 2020

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

07 Giugno 2021 - 10:58

Appello di padre Maccalli: non scordiamo suor Gloria, rapita in Mali

Il ritorno a casa di padre Gigi Maccalli

MADIGNANO - «Da quando sono tornato libero, non cesso di pregare e di invitare tutti a mantenere vivo il ricordo e la preghiera per gli altri ostaggi prigionieri nel Sahel». Lo scrive all’agenzia vaticana Fides padre Gigi Maccalli, sacerdote della Società per le Missioni Africane, che era stato rapito in Niger il 17 settembre 2018 e liberato il 9 ottobre 2020. «Tra di loro - prosegue il missionario - mi è caro ricordare oggi, 7 giugno 2021, suor Gloria Cecilia Narvaez Agoti, rapita in Mali il 7 febbraio 2017. In questo giorno in cui si assommano ben 4 anni e mezzo di cattività per lei, alzo il mio accorato appello: non dimentichiamola!».

Padre Maccalli racconta di come abbia raccolto personalmente la testimonianza di Sophie Pétronin e di Edith Blais che hanno condiviso con suor Gloria la sorte di ostaggio prima di essere liberate. «Entrambe mi attestavano la loro preoccupazione nel saperla sola a gestire la dura prova del sequestro."

«Faccio appello all’attenzione dell’opinione pubblica e chiedo a tutti i cristiani di pregare per la sua liberazione, memore e riconoscente per la preghiera incessante con cui avete pregato numerosi per la mia liberazione. P. Gigi Maccalli ex ostaggio». Suor Gloria, religiosa di nazionalità colombiana della Congregazione delle Suore Francescane di Maria Immacolata, è stata rapita la notte del 7 febbraio 2017 quando un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione nella parrocchia di Karangasso a Koutiala. Dopo aver sequestrato la suora dal centro missionario sono fuggiti con l’ambulanza del centro medico della missione per andare a riprendere le moto con le quali erano arrivati. (ANSA)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400