Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Giudice di pace, udienze trasferite a Cremona?

Lettera del presidente del tribunale Di Martino che chiede un «aiuto» anche al sindaco Bonaldi

Antonio Guerini

Email:

aguerini@laprovinciacr.it

29 Maggio 2021 - 06:36

Giudice di pace, udienze trasferite a Cremona?

CREMA - Personale all’osso, periodo di ferie che incombe con l’aggravante che si devono ancora smaltire quelle del 2020. Il risultato? Le udienze in calendario dal Giudice di Pace vanno verso la sospensione a Crema per essere trasferite a Cremona, con i tutti i disagi che ne conseguono e con il timore — per ora solo tale — che il tutto si configuri come un «tribunale bis». Va infatti ricordato che l’ex palazzo di giustizia è stato chiuso nel settembre del 2013. Per quanto riguarda le udienze in trasferta nulla di ancora deciso, anche se la lettera inviata dal presidente del tribunale di Cremona Anna di Martino (per conoscenza anche al sindaco Stefania Bonaldi), prefigura un’eventualità del genere.

Si legge infatti nella parte conclusiva della missiva: «Si aggiunge che questa presidenza, in mancanza di immissione di personale (che compete al Ministero di Giustizia) o di applicazioni distrettuali (che competono al Presidente della Corte d’Appello), non esclude di disporre il rinvio delle poche udienze penali in celebrazione al Giudici di pace di Crema, ovvero di valutare, sentiti il procuratore della Repubblica e il COA di Cremona, la celebrazione presso il Giudice di pace di Cremona delle udienze penali previste al Gdp di Crema. La presente viene trasmessa, per conoscenza, anche al sindaco di Crema perché valuti, ove possibile, il comando/distacco di personale dell’Ente presso l’ufficio del Gdp della stessa città previe intese con questa Presidenza». Al sindaco di Crema viene dunque chiesto una sorta di «aiuto» prestando personale, per riuscire a garantire il mantenimento del servizio. Sentita al riguardo, Stefania Bonaldi è rimasta sul vago: «Ho sottoposto la questione alla segreteria generale. È quindi prematuro rilasciare una qualsiasi dichiarazione». Sembra tuttavia che i numeri non possano consentire un’operazione del genere.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400