Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMA

Tubo rotto in piscina e nessuno lo sa: vasca ko

L’acqua invade il locale motori: danno da 100 mila euro. Ma Sport Management ha negato il fatto

Dario Dolci

Email:

redazione@laprovinciacr.it

28 Maggio 2021 - 06:36

Tubo rotto in piscina e nessuno lo sa: vasca ko

CREMA - Se riaprirà entro il 10 giugno, come ha comunicato ufficialmente la società Prime, che ha affittato il ramo d'azienda dal gestore Sport Management, il centro natatorio di via Indipendenza sarà dimezzato. Nella missiva inviata al nuovo gestore al Comune, datata 24 maggio, infatti, si parla soltanto di «apertura delle vasche outdoor con solarium attrezzato», annunciando già quella delle vasche interne per il primo settembre. Del parco non si parla. Soprattutto non si fa riferimento specifico alla vasca con le onde, che sarebbe ancora fuori uso dopo l’ingente guasto avvenuto qualche settimana fa. Durante il periodo di chiusura, un tubo dell’acqua nella zona della vasca con le onde si sarebbe rotto, senza che nessuno se ne accorgesse.

L’acqua avrebbe invaso il locale tecnico interrato, sommergendo i motori e l’automazione che mette in funzione le onde e causando un danno ingente, quantificato in circa 100 mila euro. Se il danno causerà una beffa per gli utenti, d’altro lato costituirà un risparmio per il gestore. Azionare la vasca con le onde costa circa 400 euro al giorno. Meglio trasformarla in laguna. Nelle ultime stagioni, le proteste dei bagnanti riguardavano il fatto che le onde entravano in funzione soltanto due volte al giorno. Interpellati sull’argomento, Sport Management ha negato il fatto: «Dall’ufficio manutenzioni dicono che i lavori procedono regolarmente e non ci sono stati problemi». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierangelolodetti

    28 Maggio 2021 - 13:45

    La notizia è che c'è stato un guasto all'impianto onde che ha causato un danno quantificato in 100.000, per contro S.M. dichiara che non ci sono stati problemi. La domanda sorge spontanea, ma a chi spetta il controllo sull'impianto? Possibile che nessuno abbia in carico questa responsabilità nell'interesse di tutti i cittadini? Possiamo sapere qual è l'ufficio incaricato e il dirigente responsabile

    Report

    Rispondi