Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CREMONA

Protezione civile: 53 nuovi volontari sul territorio

Diversi interventi formativi e prove di soccorso provincia. 29 persone per l’area cremasca e 24 per l’area cremonese-casalasco

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

26 Marzo 2022 - 14:27

CREMONA - La Provincia di Cremona e il Servizio Protezione Civile in collaborazione con le organizzazioni di volontariato di Protezione Civile hanno organizzato diversi interventi formativi e prove di soccorso sul territorio provinciale. Il presidente della Provincia Paolo Mirko Signoroni ha commentato: «Sia sul fronte della conoscenza e specializzazione che delle prove ed esercitazioni abbiamo incrementato le attività per far fronte a nuove esigenze, sia in termini di risposta a possibili eventi calamitosi sia per ampliare la base dei volontari con appositi corsi FAD, formando per nuovi 53 volontari tra l’area Cremasca e quella Casalasca. Grazie all’ottimo lavoro svolto dai nostri Uffici e dalla responsabile Elena Milanesi insieme al suo staff, che alle ottime sinergie con tutte le Istituzioni e realtà locali, con il supporto delle Associazione e Gruppi di P.C., abbiamo raggiunto questo importante traguardo e mi auguro che tanti altri cittadini possano entrare a far parte della Protezione civile, che rappresenta un’eccellenza ed un patrimonio fondamentale per il Paese». Ha concluso Signoroni: «Tutte queste attività sono state possibili, anche grazie alla grande collaborazione e impegno che il modulo segreteria sta dando al servizio di protezione civile provinciale, che in questi anni difficili non è mai stato interrotto». Nello specifico le attività hanno riguardato quattro settori di intervento.

CORSO BASE FAD


Si è svolto dal 03 marzo al 20 marzo il “Corso Base Fad” per volontari di protezione civile. Il Corso Base è il primo step della “carriera” del volontario di protezione civile. Un passaggio obbligatorio per poter diventare operativi. Gli aspiranti volontari sono stati suddivisi nelle tue macro aree del nostro territorio: l’area Cremasca e l’area cremonese casalasca. La prima lezione, in presenza, si è svolta a Sospiro e a Soncino, scopo dell’incontro era quello di dare una prima infarinatura del mondo della protezione civile e delineare una cornice nella quale operiamo. A seguire, i discenti, hanno avuto 15 giorni di tempo per completare il corso e superare il test finale, nel corso di questi giorni, i tutor appositamente formati, li hanno seguiti passo passo al fine di potergli permettere lo svolgimento del corso. Dopo il test finale, superato da tutti i partecipanti, i due gruppi si sono trovati il giorno 20 marzo presso il Comune di Casale Cremasco e il Comune di Piadena, per la prova finale. Al termine della giornata finale, sono stati formati 53 volontari di cui 29 per l’area cremasca e 24 per l’area cremonese-casalasco

PROVA DI SOCCORSO APERTURA TENDE PNEUMATICHE


Sabato 19 marzo, presso il Comune di Dovera, le organizzazioni di volontariato dell’area cremasca, si sono trovate per una verifica e sanificazione di alcune strutture campali (tende pneumatiche) in dotazione alla Colonna Mobile Provinciale. Le attività hanno visto impegnati 50 volontari di 12 Organizzazioni di volontariato oltre all’Associazione Nazionale Alpini sezione di Filago che ha supportato le nostre squadre nelle attività. La sinergia che ha caratterizzato l’intera operazione ha dimostrato per l’ennesima volta la professionalità del volontariato di protezione civile. La costante formazione , l’addestramento e le prove congiunte, permettono di migliorare sempre più i protocolli operativi e l’affiatamento delle numerose squadre che in caso di emergenza si trovano fianco a fianco a lavorare. 

INCONTRO VIGILI DEL FUOCO E VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

 


Mercoledì 16 marzo, nella bella cornice di San Vitale si è tenuto un incontro tra i Vigili del fuoco Comando Provinciale di Cremona e il Volontariato di Protezione Civile Provinciale. Il Comandante dei VVF, Ing. Antonio Pugliano, ha illustrato a tutti i presenti l’organizzazione della colonna mobile del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e di quanto le due strutture operative debbano sempre più interagire e collaborare. Seppur nelle differenze che le caratterizzano, l’obiettivo comune è la tutela e il soccorso della popolazione. Grazie alle sinergia che si sono create a livello provinciale e grazie alla disponibilità di entrambi le parti, è stato possibile creare protocollo operativi, non ultimo quello sugli interventi della ricerca della persone scomparse. Che anche nei giorni scorsi ha visto lavorare assieme Vigili del Fuoco e struttura del volontariato provinciale. Apprezzamenti da parte del Volontariato per questo incontro e alla disponibilità e professionalità del Comandante Provinciale. La serata si è conclusa con l’impegno di rivedersi per definire un programma di attività.

ATTIVITÀ TELECOMUNICAZIONI

Tra febbraio e marzo volontari specializzati in comunicazioni radio hanno effettuato, su indicazione dell'Ufficio, numerosi test con apparati radio (sia regionali che specifici della Provincia), con lo scopo di testare la funzionalità delle attrezzature radio e le loro potenzialità. Si sono anche svolte diverse prove radio, alcune delle  quali con la partecipazione di tecnici e funzionari di Regione Lombardia, finalizzate a definire dei protocolli radio operativi efficaci da utilizzare nella gestione di emergenze territoriali in aree dove la copertura radio del sistema regionale ha mostrato alcune criticità.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400