Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA MANIFESTAZIONE

Casalmaggiore-Colorno, l’Orienteering incanta. Piccoli e grandi in gara

Più di 200 i partecipanti al Grand Prix dell’Interflumina. Partenza dalla Baslenga e arrivo in piazza Garibaldi, seconda parte nel Parmense

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

21 Novembre 2021 - 17:53

CASALMAGGIORE - Sono stati oltre duecento, i partecipanti al «Gran Prix Orienteering Casalmaggiore-Colorno», organizzato dall’Associazione sportiva dilettantistica Atletica Interflumina. Dai bambini più piccoli ai ragazzi, a persone con qualche anno in più. Un successo pieno, per la soddisfazione del presidente Carlo Stassano, presente in piazza Garibaldi, all’arrivo del percorso, affiancato da Luigi Borghesi, ingaggiato come medico per l’eventuale assistenza. A Casalmaggiore gli iscritti si sono ritrovati al Centro sportivo Baslenga intorno alle 8.30 per poi spostarsi al punto di partenza, sotto i portici di via Baslenga. Diversi i percorsi, a seconda delle categorie di partecipanti. A tracciarli è stato Corrado Arduini, presidente del Comitato regionale Fiso (Federazione italiana sport orientamento) dell’Emilia Romagna. L’iniziativa è coincisa con il Trofeo Emilia-Romagna (13esima e ultima prova, bi-sprint) e si è articolata in due manche, con delegato tecnico Andrea Visioli, direttore di gara Andrea Bocchi, controllore Lorenzo Allodi, addetto alle iscrizioni Filippo Bertolotti. Dal momento del via, il centro storico è stato animato in lungo e in largo dai partecipanti «armati» di cartine e affannati a cercare velocemente i punti prefissati.


A Casalmaggiore le lanterne — da ‘vidimare’ elettronicamente — sono state posizionate, nel tracciato giallo qualificato come semplice, da un chilometro e mezzo, tra edifici, monumenti, alberi isolati, scalinate, passaggi coperti, avvallamenti, vegetazione. Altri percorsi erano bianco (facilissimo) e rosso (medio). Tempo massimo di gara 75 minuti. C’era anche una presenza internazionale, grazie a Michael Haestrupz, giovane danese, studente universitario in Archeologia a Bologna: «Una bella gara — ci ha detto —, finalmente un’iniziativa all’aria aperta, non vedevo l’ora». Soddisfatta anche Liron Rainhartz, israeliana, studentessa di Medicina all’Università di Pavia. Finita la gara a Casalmaggiore, alle 12.30 ritrovo al Cral Farnese di Colorno, con prima partenza alle 14 e premiazione dopo la seconda manche, con la somma dei tempi delle due gare. A Colorno è stata presente per l’assistenza medica Laura Sanfilippo di Casalmaggiore.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400