Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

TOKYO 2020. L'INTERVISTA

Rossi: Jacobs incredibile, Ferrari fenomenale

Il sottosegretario e pluricampione olimpico: "I giovani guardino a questi atleti sognando Cortina 2026"

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

02 Agosto 2021 - 19:00

MILANO - "A ripensarci, ho ancora i brividi. Ha fatto una cosa incredibile. Un percorso eccezionale, dalla batteria alla finale. E poi la tranquillità e la serenità dimostrata nell'intervista post-vittoria. Una cosa unica. Vincere i 100 metri è il massimo, significa essere il più veloce al mondo. Sono felice per lui, per la sua famiglia, per i suoi amici per la federazione". Lo dice, in un'intervista rilasciata a Lombardia Notizie Online, Antonio Rossi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega allo Sport, Olimpiadi e Grandi eventi e 'campionissimo' con 5 medaglie olimpiche (3 d'oro, 1 d’argento e 1 di bronzo) e altrettante partecipazioni ai Giochi.

Antonio Rossi esprime soddisfazione anche per Gianmarco Tamberi, 're del salto in alto': "Gimbo è un amico, lo conosco bene. Dopo cinque anni di sofferenza e di lavoro capisco la gioia e quello che ha provato quando ha vinto. Complimenti!".

Un pensiero particolare per le lombarde Federica Cesarini e Valentina Rodini: "Due atlete fortissime e bravissime per una medaglia storica nel canottaggio femminile" ha commentato Rossi. "C'è un po' di amarezza per il '4 di coppia', ma sono ragazzi giovani. A loro dico di guardare alla rivincita, li aspetto a Parigi nel 2024".

Poi, la strettissima attualità con la cremonese Vanessa Ferrari: "Un argento molto pesante spiega Antonio Rossi - per una storia bellissima, per un'atleta fenomenale. Ha saputo stringere i denti, complimenti a lei e a tutti quelli che hanno contribuito a ottenere questo traguardo".

Infine, le Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026: "L'iter burocratico è complesso, ma stiamo andando avanti e lavorando per l'obiettivo. Il mio messaggio va alle ragazze e ai ragazzi che ambiscono a essere protagonisti ai Giochi. Dico loro di crederci e di guardare oggi il volto di chi gareggia e di chi vince a Tokyo. Il loro sogno deve essere quello di partecipare a Milano Cortina 2026".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400