il network

Sabato 21 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASKET, SERIE A

VIDEO Vanoli, la presentazione di Niccolò De Vico

CREMONA (13 settembre 2019) - "Quando mi si è presentata l'occasione di firmare a Cremona non ho esitato un attimo, è bastata una telefonato con coach Meo Sacchetti per convincermi: avevo lavorato con lui in Nazionale Sperimentale e mi sono trovato subito bene, lo ammiro per la capacità di darti fiducia e di lasciarti libero nel gioco". Lo ha detto Niccolò De Vico, ala classe 1994 proveniente dalla Grissin Bon Reggio Emilia durante la confereza stampa di presentazione che si è tenuta nella Bottega di Fattorie Cremona, spazio adiacente lo storico stabilimento Plac, lungo la via Persico.

Ruzzier e Akele sono stati suoi compagni l'estate scorsa proprio in Nazionale Sperimentale: "Sono fortunato di aver ritrovato giocatori che conoscevo già che hanno permesso l'inserimento davvero semplice; ma a dire il vero anche con gli altri ragazzi, stranieri compresi, è stato facile rapportarsi subito come buoni compagni di squadra. Siamo un bel gruppo, stiamo lavorando bene anche se alcuni risultati nella preseason non sempre sono stati dalla nostra parte; credo tuttavia che non si debba farne una tragedia perché le partite di precampionato non sempre sono indicative del lavoro che si fa in palestra. Inoltre il coach e il capitano sono arrivati da poco e questa è la prima settimana che lavoriamo tutti insieme. Il 21 e il 22 settembre avremo il primo vero test, la Supercoppa Italiana, che ci permetterà realmente di capire di che pasta siamo fatti. Saranno partite vere, con un'intensità e un agonismo completamenti diversi da quelli visti fino ad ora. Siamo fisicamente 'piccoli', motivo per cui dovremo lottare con maggior energia a rimbalzo. In compenso siamo tanti: questo ci permette di dare tutto quello che abbiamo quando siamo in campo, senza nessun tipo di risparmio, sapendo che in panchina ci sono altri giocatori pronti ad entrare e portare la stessa energia. La nostra caratteristica principale sarà quella di correre e prendere tiri aperti anche all'inizio dell'azione, ma per riuscire a farlo dobbiamo difendere forte. Ci stiamo lavorando".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

13 Settembre 2019