Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL PROGETTO

Giornata della Memoria: il video dei ragazzi del Cr.Forma

Si intitola "Tutti uguali e tutti diversi" ed è stato ideato e realizzato da 80 studenti delle classi seconde

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

27 Gennaio 2022 - 15:35

CREMONA - Ragazzi in maglietta bianca, come gli studenti del film L’Onda di Dennis Gansel, che piano piano indossano felpe e giubbotti diversi, che si vestono ognuno nel proprio stile. Quest’anno, in occasione della Giornata della Memoria, ricorrenza internazionale in ricordo delle vittime dell’Olocausto, 80 studenti di Cr.Forma hanno ideato e realizzato un video sulla bellezza dell’essere contemporaneamente ‘tutti uguali e tutti diversi’. Un progetto svolto nelle seconde di ristorazione, meccanica e termoidraulica della sede di Cremona e coordinato dalle professoresse di storia Laura Sguazzabia e Silvia Pollastri, con la collaborazione degli altri professori, nell’ambito dell’approfondimento sui totalitarismi. “È stato un video nato dai ragazzi che sono rimasti particolarmente colpiti dal film L’Onda e che hanno voluto in qualche modo reinterpretarlo - spiega la professoressa Sguazzabia - È vero che siamo tutti uguali, ma la differenza può essere bella, può essere positiva” Questo è il messaggio del video. 

LA MOSTRA

Gli studenti, per il 27 gennaio, hanno anche allestito una mostra nel cortile interno della scuola su tre temi: pregiudizio, discriminazione e persecuzione. Un percorso fatto di immagini, simboli e scritte per testimoniare l’approfondimento fatto in classe e per sensibilizzare i compagni sui temi della memoria. “Questi sono temi delicati - continua la professoressa - che rischiamo di essere trattati con superficialità dai ragazzi. Non è stato cosi. Sono loro che hanno trovato la chiave di volta, che hanno trovato una lettura per attualizzare alcuni meccanismi. Molti, grazie al percorso fatto, si sono resi conto di aver vissuto loro stessi delle discriminazioni. Anche questa è istruzione. Affrontare questi temi con i ragazzi è importante perché definiscono le persone che saranno domani, danno loro gli strumenti critici per inserirsi nella società ‘dei grandi’, per riflettere e farli parlare di se stessi. I ragazzi sono stati stratosferici”. Iniziative anche alla sede di Crema. Partendo da uno scritto di un'allieva dal titolo "L'Olocausto", i ragazzi hanno dato vita ad una riflessione sul tema e le classi seconde hanno iniziato un lavoro di approfondimento che proseguirà nei prossimi giorni.

IL VOLUME

Il volume 1933-1945 Lager Europa – Viaggio nel sistema concentrazionario nazifascista (testi di Ilde Bottoli, fotografie di Francesco Pinzi) rappresenta uno strumento di riflessione e di crescita della conoscenza della storia del Novecento nel nostro continente, arricchendo le esperienze sino ad oggi svolte con i viaggi della memoria, in un progetto di diffusione e informazione che la Provincia e il Comune di Cremona, per le competenze e i capillari contatti con le scuole superiori e il sistema delle biblioteche detengono, supporteranno. I due Enti - il Comune di Cremona è capofila Rete Bibliotecaria Cremonese (RBC) - hanno deciso di organizzare la distribuzione di questo volume iniziando proprio dalle biblioteche che usufruiscono del servizio di prestito interbibliotecario. Successivamente il volume verrà donato alle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Cremona, iniziativa che sarà accompagnata da momenti di formazione e approfondimento organizzati dalla Rete Bibliotecaria stessa in collaborazione con la Provincia e gli autori del libro. La volontà è di non disperdere il patrimonio, anche documentale, che è andato costituendosi attraverso il progetto di ricerca e approfondimento Educazione alla cittadinanza europea - tra storia e memoria, che si muove nell’alveo dell’esperienza storico-didattica iniziata nel 1995 dal Comitato provinciale per la difesa e lo sviluppo della democrazia attraverso l’iniziativa Il futuro ha una memoria.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400