Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

UNIVERSITÀ/1

Cattolica, il primo giorno in presenza al campus di Santa Monica

Nicola Arrigoni

Email:

rmaruti@laprovinciacr.it

16 Aprile 2021 - 06:55

CREMONA (16 aprile 2021) - Sono gli «invisibili», gli studenti universitari che da due anni hanno visto sfumare gli anni dello studio e dell’indipendenza lontano da casa. La generazione Covid è a modo, pacata, rassegnata forse, non disillusa perché lo impedisce l’età, ma realista. E basta parlare con loro per capirlo. Nel campus Santa Monica della Cattolica il silenzio fa pensare. Matteo Fanti, Simone Neyvoz e Federico Bassi frequentano il secondo anno. «Ci ritentiamo — affermano —. Essere qui è importante non solo per il fatto che non ci si distrae come a casa, si studia meglio, ma possiamo fare amicizia. Il tempo passa di più, l’impegno così si fa più leggero». Simone Neyvoz arriva dalla Valle d’Aosta: «Sono rimasto qui per tutto il periodo. Mi trovo bene a Cremona. Lo considero un primo step per poi pensare di andare a Milano». Federico Bassi è di Cremona: «Noi qui siamo fortunati. Possiamo frequentare in presenza volendo. Non è una cosa da poco». Marco Bona frequenta la Smea e osserva: «In sala studio non si corre il rischio di distrarsi, meglio studiare qui che a casa». Paolo Ghiggi frequenta Scienze alimentari e Alessio Ghidetti, Economia e commercio, sono matricole e non nascondono che la situazione non è facile: «Essere in presenza è un vantaggio non solo per lo studio, ma anche per le relazioni — dicono —. A fare gruppo ci tentiamo, non è facile, ma fra aperture e chiusure ci si prova». All’ingresso del campus Riccardo Cocchetti, Asia Guarneri, Beatrice Bellini, Nicolò Mariotti e Martina Ferrara si sono dati appuntamento davanti all’ingresso del campus: «Facciamo gruppo — raccontano —, o almeno ci tentiamo. Siamo di nuovo qui, speriamo questa volta di resistere più di una settimana. Abbiamo una media di 30 ore in cinque giorni, c’è modo di stare insieme e conoscerci. Il mesetto del primo semestre ci è servito per iniziare a conoscerci, poi ci siamo sempre tenuti in contatto».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400