il network

Mercoledì 23 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

VIDEO Ferdy, una cornacchia per amica

Adesso che sa volare torna ogni giorno dagli umani che l'hanno salvata

CREMONA (31 maggio 2020) -  L’hanno chiamata Ferdy, un nome un po’ ibrido... Perché non si può capire se una cornacchia è maschio o femmina. Ora è cresciuta e sta bene, ma è solo grazie a Marina e Florindo. Sono loro che l’hanno trovata piccola impaurita caduta dal nido e l’hanno salvata dal rischio di essere mangiata da qualche gatto o volpe, prima che fosse in grado di spiccare il volo e salvarsi.

«Eravamo fuori con uno dei nostri tre cani, Amber, il pitbull, ed è mancato poco che fosse proprio lui a mangiarsela, l’abbiamo evitato per un soffio» racconta Marina. «Eravamo in campagna vicino a casa a San Daniele Po e l’abbiamo salvata. Ce ne siamo presi cura per qualche giorno intanto che si riprendeva ed imparava a volare. Facevamo piccoli esercizi di volo ogni giorno. Era un po’ impacciata all’inizio, ma poi ha iniziato a volare per tratti sempre più lunghi venendo a posarsi sulla mia o sulla spalla del mio fidanzato Florindo. Poi l’abbiamo riportata vicino all’albero dove l’avevamo trovata e dove stavano volando i suoi ‘genitori’. Ci siamo allontanati per vedere se ritrovandoli, avrebbe proseguito la sua vita con loro, tornando alla sua normalità, ma piano piano lei è venuta nella nostra direzione ed è volata di nuovo sulle nostre spalle. Sembra diventata una di famiglia. Anche se non vive a casa con noi. Ci viene a trovare tutti i giorni. Per mangiare e passare un po’ di tempo con la sua famiglia umana».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

31 Maggio 2020