Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

La Stagione di prosa
del Teatro Comunale di Casalmaggiore
Dal 23 ottobre al 29 aprile

Gigi Romani

Email:

lromani@laprovinciadicremona.it

08 Ottobre 2016 - 12:26

La Stagione Teatrale 2016-2017 del Teatro Comunale di Casalmaggiore

di Nicola Arrigoni

CASALMAGGIORE – C’è il bellissimo Ma di Antonio Latella che aprirà la stagione, ma c’è anche Paolo Rossi che canta le canzoni inedite che Gianmaria Testa compose appositamente per lui. C’è il fascino intramontabile dell’operetta reinventata da Corrado Abbati inseguendo il mito di Sissi, ma c’è anche l’imperdibile Amore di Spiro Scimone e Francesco Sframeli di cui il Comunale propose vent’anni fa il dittico Nunzio e Bar. Il cartellone 2016/2017 del teatro casalasco, curato da Giuseppe Romanetti e presentato lunedì 3 ottobre in Comune, coniuga intrattenimento e teatro d’arte, tradizione drammaturgica e urgenza di scrivere il presente. Si parte il 23 ottobre alle 17 con la presentazione del cartellone e Otello unplugged di e con Davide Lorenzo Palla, doveroso omaggio ai 400 anni dalla morte di William Shakespeare. Diverse eppure complementari sono le anime del cartellone 2016/2017. C’è il teatro del nostro presente, di una drammaturgia che scotta e si fa testimonianza. E’ questo il caso di Ma di Antonio Latella una riflessione pasoliniana affidata a Candida Neri, in cui il Ma del titolo è la prima sillaba di mamma, con tutto ciò che questo implica (1° novembre). Amore di Scimone e Sframeli è un’elegia dolentissima alla vita, alla morte e alla forza dell’amore, uno spettacolo da non perdere, il 21 gennaio 2017. I Dialoghi degli dei – l’8 febbraio – si offre come un viaggio all’interno della mitologia, viaggio affidato alla scrittura di Luciano e alla rilettura che ne fanno I Sacchi di Sabbia e Massimiliano Civica; mentre Come un granello di polvere con Salvatore Arena è il segno di un teatro di impegno civile (21 marzo). C’è poi il teatro dei canoni della tradizione ma non per questo stantio: il riferimento va a Qualcuno volò sul nido del cuculo, allestimento firmato da Alessandro Gassmann (19 novembre) e al bellissimo e imperdibile Chi ha paura di Virginia Woolf? per la regia di Arturo Cirillo, visto l’anno scorso al Ponchielli (21 aprile). Comici ma con grano salis sono Paolo Rossi interprete del recital PaoloInTesta, omaggio a Gianmaria Testa il 1° dicembre e Vorrei essere figlio di un uomo felice di Giole Dix, libera disquisizione sul ‘complesso di Telemaco’, in scena il 25 febbraio. Fuori abbonamento si segnala l’anteprima dell’operetta musical Sissi in scena il 12 novembre e conferma della creatività inesauribile di Corrado Abbati e della sua compagnia che hanno reinventato il genere dell’operetta coniugandolo con il musical e la commedia musicale. La danza avrà un doppio appuntamento di tutto rispetto. Il 24 e 25 novembre all’interno della rassegna dedicata al Giappone, Stupor Mundi, Imre Thormann proporrà lo spettacolo di danza Butoh, Enduring Freedom, mentre la casalese Rebecca Bianchi sarà protagonista il 9 aprile del galà di stelle con i solisti del Teatro dell’Opera di Roma. Il cartellone renderà omaggio poi alla Giornata Mondiale del Teatro il 27 marzo con Il teatro è una poesia che si alza in piedi, serata teatrale a sorpresa, alla Giornata internazionale della danza, il 29 aprile con Step by Step di Asd Dimensione Danza di Nilla Barbieri e all’International Jazz Day 2017 il 30 aprile con un programma ancora in via di definizione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

VideoGallery