Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

IL SONDAGGIO

Caro benzina, da più parti si chiede l'intervento del Governo. Cosa ne pensi?

Cresce la rabbia di automobilisti e autotrasportatori, in un anno registrato oltre il 20% di aumento dei carburanti

Daniele Duchi

Email:

dduchi@laprovinciacr.it

20 Ottobre 2021 - 15:20

Caro benzina, da più parti si chiede l'intervento del Governo. Cosa ne pensi?

CREMONA - All'orizzonte, per ora, non si vedono possibili diminuzioni. La salita vertiginosa dei prezzi dei carburanti è costante - oltre il 20% di aumento in un anno - e, parallelamente, cresce la rabbia degli automobilisti. Le cause del rincaro sono da mettere in relazione con l'aumento delle materie prime che si sta registrando a livello globale. Fra queste c'è anche il petrolio. A questo va aggiunto che l'Italia è uno dei Paesi in cui le accise sulla benzina sono fra le più alte in assoluto. Lo scorso mese di settembre è stato stimato che il prezzo della benzina sarebbe di sessantaquattro centesimi, qualora venissero eliminate le accise che appesantiscono il rifornimento al self service. Al 21 settembre infatti il prezzo era di 1,67 euro al litro. Oltre un euro (1,03) le tasse, secondo i dati del ministero della Transizione Ecologica. Tra automobilisti e autrasportatori c'è chi chiede l'intervento del Governo. E tu, cosa ne pensi? Vota il nostro sondaggio.

Il Governo deve intervenire una volta per tutte e togliere le accise

Le aziende produttrici devono attivarsi per far calare i prezzi

La situazione sta diventando insostenibile per le tasche degli italiani

Va trovata una soluzione per limitare l'aumento delle materie prime

Non ho una opinione in merito

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gmalde

    20 Ottobre 2021 - 18:33

    E perché dovrebbe essere fermato l'aumento del prezzo del carburante? Magari scoraggerà le persone a usare l'automobile quando non è strettamente necessario. Per il bene della salute e dell'ambiente.

    Report

    Rispondi