Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Sabato 13 febbraio

Inizia con 3 appuntamenti da non perdere il PIACENZA JAZZ FEST 2016

Gigi Romani

Email:

lromani@laprovinciadicremona.it

12 Febbraio 2016 - 15:23

Inizia con 3 appuntamenti da non perdere il PIACENZA JAZZ FEST 2016

Niccolò Zanella sax alto
Matteo Cuzzolin e Fiorenzo Zeni sax tenore

Giorgio Beberi sax baritono
Gianni Mascotti e Roberto Zantedeschi trombe

Fabrizio Carlin trombone

Hannes Petermair sousaphone

Claudio Ischia, Mauro Cont e Nicola Tonini percussioni

Curiosi di sapere qualcosa di più sul Piacenza Jazz Fest edizione numero tredici? Per soddisfare tutte le c uriosità, prenotare i biglietti dei concerti in vendita e conoscere il programma, come sempre molto vario e articolato, sabato 13 febbraio pomeriggio dalle 15.30 alle 19.00 sarà allestito un gazebo.
Quello del “gazebo suonante” è uno dei più simpatici momenti pubblici di promozione dell’iniziativa che tende ad andare verso la gente, nelle strade del centro storico cittadino. Presso il gazebo sarà possibile ricevere informazioni sui concerti e le altre iniziative di questa tredicesima edizione del festival e acquistare i biglietti e gli abbonamenti in prevendita. Per l’occasione, dalle ore 17:30, il centro storico sarà animato da una marchin’ band funky che sa creare sempre grande coinvolgimento attorno a sé: la BiFunK Brass Band.

Enrico Pieranunzi pianoforte
Jean-Paul Estiévenart tromba e flicorno

Frank Vaganée sax alto e soprano, flauto e direzione artistica
Dieter Limbourg sax alto e soprano, clarinetto e flauto
Kurt Van Herck sax tenore e soprano, clarinetto e flauto
Bart Defoort sax tenore, soprano e clarinetto
Bo Van der Werf sax baritono e clarinetto basso
Marc Godfroid, Lode Mertens e Frederik Heirman tromboni
Laurent Hendrick trombone basso e tuba
Serge Plume, Nico Schepers, Pierre Drevet e Jeroen Van Malderen trombe
Jos Machtel contrabbasso

Toni Vitacolonna batteria

Questo concerto inaugurale presenta al pubblico italiano una delle ultime avventure musicali della Brussels Jazz Orchestra (BJO), l’omaggio a uno dei maestri più stimati del Jazz nostrano, sfociato in una proficua collaborazione. Lui è Enrico Pieranunzi, grande pianista, compositore ed arrangiatore romano, che tra i tanti ammiratori su cui ha esercitato il suo carismatico fascino può vantare anche la big band belga. Pieranunzi compone un tipo di musica che stimola l’immaginazione; è visionario e avvincente, con un tocco in più da fantasista che rispecchia in pieno l’immagine che della creatività italiana spesso si ha all’estero. La BJO ha visto nel lavoro del maestro una sfida, quella di riuscire ad adattare alcune composizioni scelte all’interno del vasto repertorio del pianista, così leggere ed ariose, al pieno potenziale di esecuzione garantito da una grande formazione composta perlopiù da strumenti a fiato. Una sfida ch e ha avuto un esito assolutamente convincente. Il risultato di questo felice incontro è racchiuso in un CD inciso dal vivo nel corso di un concerto nell’agosto 2014 e uscito nel 2015 per l’etichetta W.E.R.F. dal titolo “Music of Enrico Pieranunzi”. Anche in quell’occasione come per il concerto allo Spazio Rotative, a suonare il pianoforte era lo stesso Pieranunzi.

Emanuele Campigli, Damiano Quagli, Leonardo Dianori e Luciano Fiorello (trombe)
Andrea Soldani (trombone)
Alessandro Deiana, Francesco Papiani e Marco Pomponio (sax tenore)
Antonio Posarelli e Leonardo Victorion (sax baritono)
Nico Fioravant i (sousaphone)
Giacomo Iommi, Mirko Latino, Marco Campagna, Michele Lovito e Marcello Lombardo (percussioni)

Confermata anche quest’anno l’iniziativa “Il Jazz al Centro" che gode di un crescente successo ad ogni edizione. Organizzata in stretta collaborazione e grazie al Centro Commerciale “Gotico” di Piacenza, per quattro domeniche la “Piazza del Gusto”, all’interno della galleria del centro commerciale, ospiterà alle ore 17:30 appuntamenti jazzistici di ottimo livello.
Inoltre, a partire dalle 17:00, la direzione del Centro Gotico offrirà l’aperitivo a tutti gli intervenuti.

L'impeto travolgente del Funky sapientemente miscelato al Jazz, permette di catturare definitivamente il pubblico. E marciare diventa il vero palcoscenico, divertirsi diventa la chiave per ammaliare chi unque venga in contatto con la straripante energia della band. Il suono diventa fisicità e si trasforma in un gioco. Diventa imprescindibile legare il sound al movimento perchè il ritmo incalza in un crescendo che porta a danzare, a tenere il tempo e a partecipare in maniera assolutamente attiva. Il pubblico è parte integrante dello spettacolo che talvolta può diventare un pò goliardico e irriverente grazie a intuizioni comiche e sketch improvvisati.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi