Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Sulle tracce del bardo Shakespeare

Sabato con il CrArT alla scoperta dei teatri cremonesi

Shakespeare sarà protagonista sabato grazie al CrArT di un particolare e insolito itinerario sulle tracce della cultura teatrali cittadina.

Betty Faustinelli

Email:

bfaustinelli@laprovinciadicremona.it

19 Aprile 2016 - 13:37

Sabato con il CrArT alla scoperta dei teatri cremonesi

CREMONA — Il 23 aprile 1606 morivano William Shakespeare e Miguel de Cervantes, come dire due giganti della cultura occidentale. Se pure festeggiare gli anniversari profuma di banalità ed è il grado zero del pensiero, sembra quasi un atto dovuto. Non lo è stato per Pier Paolo Pasolini e — ancor peggio — per Danilo Montaldi…e questa la dice lunga sul pensiero e la programmazione culturale della città, anche quando questo riguarda scrittori legati a Cremona. Forse sono bastate le ubriacature di Tognazzi.
Detto questo, se pure Don Chisciotte lo si è per ora messo da parte, Shakespeare sarà protagonista sabato 23 aprile grazie al CrArT di un particolare e insolito itinerario sulle tracce della cultura teatrali cittadina. «Abbiamo cercato un pretesto consapevoli che non si potesse ignorare l’anniversario dei 400 anni della morte del Bardo — racconta Serena Carpaneto — Ci siamo posti delle domande. Ci siamo chiesti cosa accadesse in città nel periodo in cui era attivo Shakespeare, che opportunità e aspirazioni poteva avere un poeta della sua fama.
Per fare questo abbiamo chiesto a Massimiliano Pegorini e a Roberta Taino di fare una scelta di testi shakespeariani che possano aiutarci a rendere omaggio al genio del Bardo». Ma come consuetudine cultura e visita alla città s’intrecciano per CrArT e così sabato 23 aprile alle 21 con partenza da piazza Filodrammatici si terrà l’itinerario Della stessa materia dei sogni… Omaggio a William Shakespeare. «Il percorso guidato si snoda lungo le vie del centro storico e accompagna il visitatore alla scoperta dell’importanza del teatro — continua Carpaneto —. La cultura drammaturgica cremonese nasce in un clima differente, le compagnie sono sostituite da accademie e oratori che si occupano di tematiche quasi esclusivamente religiose.
La chiesa di San Francesco in piazza Giovanni XXIII, piazza Filodrammaticidove c’era il palazzo Ariberti che ospitava la prima sala da spettacolo della città, piazza e palazzo Comunale, il teatro Ponchielli sono alcune delle tappe del percorso: sedi di accademie e di rappresentazioni teatrali». Nel corso dell’itine - rario sarà raccontato un legame remoto fra Shakespeare e le nostre terre, legame che si compie sotto il segno della stirpe dei Pallavicino e che ha a che fare con Enrico VIII. Di più non vale la pena svelare. A Massimiliano Pegorini e Roberta Taino spetterà il compito di dare respiro alla parola poetica di Shakespeare con alcuni brani tratti da La Tempesta, l’Otello, Le allegre comari di Windsor, Riccardo III, Romeo e Giulietta , solo per fare qualche esempio.
Insomma i 400 anni della morte di Shakespeare sono certo un pretesto, lo diventano a Cremona, ma sono anche l’occasione per scoprire quella cultura della scena cittadina che precede la nascita del Ponchielli e che ha nel passaggio dal XVI al XVII secolo un periodo particolarmente fertile, sono infatti attestate le presenze dei comici dell’arte,Giuseppe Bresciani,storico della città, scrisse per ‘comici suoi amici’ discorsi e spropositi, pubblicati nel 2005 nell’annuario degli Ex del Manin, una testimonianza di come la presenza del teatro fosse una realtà sia pubblica che all’interno dei collegi, soprattutto quello gesuitico. Pezzi di storia andati perduti … nel segno di sir Shakespeare.

Per partecipare al tour telefonare al numero 3388071208.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi