Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CICLISMO

Thomas, incredibile fair play

A soli 6 anni: è primo ma si ferma ad aiutare il compagno di fuga caduto e chiude terzo. Ora sogna di incontrare il suo idolo Ganna

Lucilla Granata

Email:

redazione@laprovinciacr.it

24 Settembre 2021 - 19:21

Thomas,  incredibile fair play

La famiglia Bertelli

CREMONA - In testa alla corsa, il compagno di fuga va a terra e lui si ferma per capire come sta. Il primo posto certo diventa il terzo, ma un gesto che fa capire quando nei bambini il fair play sia quasi naturale. Parliamo di Thomas Bertelli che ha sei anni e frequenta da qualche giorno, la prima elementare.

Il suo sogno è quello
di incontrare l'idolo
Filippo Ganna

Thomas è un ciclista in erba, il più giovane iscritto al VeloClub Cremonese, ma ha già talento da vendere e nella sua categoria ha già vinto una serie di piccoli trofei e medaglie. La passione smodata per questo sport l’ha nel Dna perchè sia il nonno che soprattutto il bisnonno han sempre corso in bicicletta. Il bisnonno Luigi Panzeri in particolare, correva per il Cc Cremonese di cui era socio. E ancora oggi a 87 anni, corre sui rulli, perchè la passione per le due ruote non ha tempo nè età. Un bisnonno, Luigi, che oggi si commuove vedendo il pronipote crescere già con lo stesso fuoco che ardeva in lui e che lo aveva spinto da giovane, a fare tanti sacrifici pur di comprarsi una Bianchi con cui Fausto Coppi, corse una Parigi – Roubaix. 'Siamo una famiglia così'.

Spiega Federico Panzeri, figlio di Luigi e nonno materno del piccolo Thomas. 'Mio padre ha corso per tantissimi anni, ha fatto tante gare, era nel Cc Cremonese e poi quando ha smesso di correre in modo agonistico, ha continuato ad andare in bici e lo fa ancora alla sua tenera età... Poi ha trasmesso la passione a me che però non sono stato un gran corridore. Mio figlio maschio poi si è dedicato ad altri sport e così credevamo che il ciclismo sarebbe sparito dalla tradizione di famiglia. Ma poi è arrivato Thomas. Ha vinto tutte le garette che ha fatto alla grande, tranne una. Quella in cui un suo compagno è caduto di fianco a lui. Thomas allora si è fermato per accertarsi che non si fosse fatto male prima di riprendere la corsa e a quel punto è arrivato terzo. Ma il suo gesto ci ha reso più fieri di un primo posto'.

Ma Thomas ha un grande sogno, quello di poter incontrare Filippo Ganna. Per questo sta cercando di imparare a scrivere più in fretta possibile, vuole spedirgli una letterina. Ha guardato Tour, ha tifato e gioito per il Mondiale e si è alzato di notte per seguire il suo idolo all'Olimpiade di Tokyo. Ora aspetta di poterlo abbracciare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400