Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CALCIO SERIE C

Trasferta a Bolzano, Pergolettese e continuità binomio da consolidare

Oggi match contro il Sudtirol che sulla carta è tra le squadre favorite. Lucchini tenta di portare a casa altri punti

Dario Dolci

Email:

redazione@laprovinciacr.it

19 Settembre 2021 - 08:33

Trasferta a Bolzano, Pergolettese e continuità binomio da consolidare

Il gialloblù Verzeni in azione contro la Pro Sesto

CREMA - Dare continuità alla vittoria ottenuta nel turno scorso contro la Pro Sesto. È con questo obiettivo che la Pergolettese si appresta oggi ad affrontare il Sudtirol sul campo di Bolzano. Il completamente rinnovato stadio Druso (nuove tribune, nuova illuminazione e nuovo manto erboso) è stato spesso ingeneroso verso i colori gialloblù, ma la truppa allenata da Stefano Lucchini dovrà cercare di sovvertire sia la tradizione sia i pronostici della vigilia, che la vogliono vittima sacrificale dell’ambiziosa compagine altoatesina. Una vittoria della Pergolettese è data fino a 4.30 dalle società di scommesse e questo la dice lunga di quanto i padroni di casa siano considerati favoriti. I biancorossi hanno iniziato alla grande la stagione. Dopo il vittorioso debutto casalingo con la Virtus Verona (1-0), il pareggio sul campo dell’Albinoleffe (1-1) e il successo nel derby regionale con il Trento (2-0), la squadra allenata da Ivan Javorcic mercoledì ha superato per 4 a 1 la Giana in Coppa Italia, guadagnando l’accesso al terzo turno. In casa cremasca, la comitiva che è partita ieri pomeriggio per il ritiro di Bolzano era composta da soli 22 elementi. All’appello non hanno infatti risposto presente gli attaccanti Bortoluz, Scardina, Faini, Vitalucci e Bresciani, oltre al centrocampista Girelli. L’unica novità tra i convocati è rappresentata dal ritorno alla piena disponibilità del terzino Piccardo. Considerate le tante defezioni, mister Lucchini potrebbe proporre la stessa formazione che nel turno precedente ha iniziato la gara contro la Pro Sesto, sempre schierata secondo il modulo 4-3-3, assai simile a quello che adottano i padroni di casa.

Il team cremasco dovrà cercare di migliorare nell’attacco alla porta avversaria e di concretizzare i tanti palloni che vengono sfornati dalle corsie laterali. Tutto questo, evitando quelle distrazioni che nelle prime partite della stagione sono state pagate a caro prezzo. L’ex di turno è il difensore gialloblù Alari, che ha vestito la casacca del Sudtirol nella stagione 2019-2020 collezionando 7 presenze. Il tecnico degli altoatesini Javorcic ha descrtito a Pergolettese come una squadra con qualità e veloce, che ha aggiunto esperienza rispetto alla passata stagione. Intanto, venerdì il Governo ha annunciato di aver promulgato il decreto attuativo per ristori su spese sanitarie per lo sport e per il calcio. Era da tempo che le società stavano aspettando. La pandemia, infatti, ha fatto impennare i costi e abbattuto le entrate. Ora il passo successivo sarà la riapertura degli stadi al 100%. Con le capienze ridotte, le limitazioni imposte e la presa di posizione di buona parte delle tifoserie organizzate, che stanno disertando le gare, gli incassi al botteghino sono drasticamente calati. Tra due settimane potrebbero esserci novità anche sotto questo punto di vista.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400