Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

BASKET, SERIE A: SUPERCOPPA

Vanoli pronta alla sfida contro l'ex Sacchetti, Galbiati: 'Dobbiamo continuare il nostro percorso di crescita'

Quella con la Fortitudo Bologna sarà la prima gara con il pubblico (numero limitato), il coach: 'Stiamo lavorando molto sulla difesa'

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

31 Agosto 2020 - 19:02

Vanoli pronta alla sfida contro l'ex Sacchetti, Galbiati: 'Dobbiamo continuare il nostro percorso di crescita'

CREMONA (31 agosto 2020) - "La sfida contro la Fortitudo dell'ex Meo Sacchetti ci servirà per continuare il nostro percorso di crescita". Così coach Paolo Galbiati alla vigilia della sfida che la Vanoli affronterà domani sera alle 20.30, secondo match di Supercoppa

"Domani affronteremo la prima trasferta della stagione, sul campo della talentosa squadra allenata dal ct della Nazionale Meo Sacchetti, coach che stimo molto per essere partito dal basso ed essersi costruito una grande carriera. Bologna può contare sui tre migliori realizzatori della passata stagione, Banks, Aradori ed Happ, altro ex Vanoli. È un gruppo molto giovane abbinato a giocatori di grande esperienza. Dovremo giocare con grande energia per reggere il loro ritmo: corrono, creano, attaccano. È una sfida completamente differente rispetto a quella con la Virtus Bologna. La Fortitudo ha un stile di gioco diverso, magari meno organizzato, ma in cui viene lasciata più libertà al talento individuale dei giocatori".

Una partita che "a noi servirà per continuare il nostro percorso di crescita e fissare i concetti su cui abbiamo lavorato in queste prime settimane, inserendo pian piano i nuovi arrivati. Stiamo lavorando molto sulla difesa, perché obiettivamente se non impariamo a difendere forte faremo molta fatica. Sabato ho apprezzato la voglia di lottare nonostante i chili e i centimetri in meno, la voglia di andare a rimbalzo, di aiutarsi e la disponibilità di provarci. Dobbiamo ripartire da qui".

Sarà anche la prima gara con i tifosi, che saranno comunque presenti in numero limitato. "A me la presenza del pubblico non influenza, quando entro in campo sono talmente concentrato che mi isolo, ma sicuramente per i giocatori sarà una bella sensazione e credo dia loro una spinta in più. Speriamo che questa prima apertura parziale sia un piccolo passo verso la normalità".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, VIDEO E FOTO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400