il network

Domenica 17 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


VOLLEY A1 FEMMINILE

È Più Pomì si arrende dopo tre ore

Casalmaggiore domina la forte Scandicci per buona parte del match ma sciupa qualche occasione di troppo e cede al tie break (24-26, 25-22, 25-21, 30-32, 12-15)

È Più Pomì-Scandicci: ore 17 PalaRadi

CREMONA (13 ottobre 2019) - Quasi tre ore di gioco ed un solo punto. Più di due ore di dominio ed una sconfitta. Verdetti del campo difficili da accettare per la E' Più Pomì Casalmaggiore che domina Scandicci per buona parte del match (sempre avanti a quota 16, avanti tre set su quattro a quota 21) ma paga a carissimo prezzo la mancanza di lucidità e cattiveria nel finale di primo e quarto set che concedono alle toscane un tie break poi fatto proprio dopo essere andate sotto nel punteggio. Certo, si è vista una buona, a tratti buonissima, E' Più Pomì, ma a queste condizioni, contro un avversario lontano dalla miglior versione di se stesso, bisogna vincere.

Starting six

E'Più Pomì Casalmaggiore: Antonijevic, Carcaces, Popovic, Cuttino, Bosetti, Stufi, Spirito (L).

Savino del Bene Scandicci: Malinov, Milenkovic, Stevanovic, Sloetjes, Pietrini, Lubian, Merlo (L).

1 set - Mencarelli mischia le carte preferendo Sloetjes a Stysiak, Pietrini e Bosetti e Lubian a Kakolewska mentre Gaspari lancia subito il sestetto tipo. Qualche incertezza in ricezione frena l'avvio lanciato della E'Più Pomì che deve attendere il passaggio in P2 di Scandicci per sgasare con tre muri di Popovic che valgono il 9-6 del time out Mencarelli. Le rosa dominano a muro leggendo bene le uscite di Malinov e appena la buona predisposizione della difesa regala un paio di palle giocabili in ricostruzione le rosa tornano avanti con margine (14-10). Le toscane non si deprimono, tengono bene sul cambio palla rosa cancellando Bosetti e Cuttino dal match per costringere Gaspari alla sospensione sul 17-18. Carcaces, perfetta nel set, cestina una palla di ricostruzione capitale sul 20-19 e pur rifacendosi su quella del 21-21 è Sloetjes a punire Casalmaggiore sul 23-24 per il secondo time out Gaspari. Bosetti annulla il primo set point ma sul secondo le rosa pasticciano e Milenkovic capitalizza per il 24-26 ospite.

2 set - La partenza shock delle rosa (0-3) viene mitigata da un check che trasforma il 4-0 ospite nel 3-1 che apre il parziale di Casalmaggiore per il 6-4 del time out Mencarelli. Il canovaccio del primo set sembra ripetersi perchè le rosa con Stufi provano la fuga (9-6) ma sprecano in ricostruzione con Carcaces e Bosetti tendendola mano ad una Scandicci disordinata per il 9-9. Il remake del primo set prosegue quasi inalterato poco dopo perchè nella fase centrale del parziale le manone di Stufi oscurano l'orizzonte alle uscite di Malinov mentre Carcaces picchia senza soluzione di continuità per il 16-12 con Mencarelli che cambia la diagonale di palleggio (per tenere in prima linea l'opposto) con Stysiak e Carraro in campo.Tutto fin troppo bello tanto che legittimamente si è indotti a credere che la lezione del primo set sia servita e invece Casalmaggiore prova ancora il brivido dell'harakiri con gli errori di Cuttino e Bosetti ad aprire la via per il 17-17 di Stysiak. Stufi spinge le rosa per il nuovo allungo (20-17) ma Casalmaggiore perde lucidità nel momento di uccidere il set e sono necessari gli errori di Lubian e Malinov per evitare immeritati, ulteriori, ribaltamenti di inerzia sul 25-22.

3 set - Le rosa sembrano avere in mano l'inerzia del match ora perchè costringono Scandicci alla rigiocata per trovare il punto e, al contrario, sfruttano bene i tocchi a muro per ricostruire con profitto sino al 7-4. Quando sarebbe sufficiente sfruttare il vento a favore e tenere a distanza l'avversario ecco che la E'Più Pomì balbetta con Carcaces, la migliore fin qui, che ci mette due errori imperdonabili che mandano avanti le ospiti sull'11-12. Il set si sporca tramutando la grammatica della pallavolo in una lotta tra band di strada che le rosa sono brave a far propria con la voglia più che con la tecnica per il 17-15. Scandicci sbanda, palesando una alchimia lontana dal potenziale della squadra che è e acuisce il rammarico per quel primo set gettato un po' via da Casalmaggiore dato che gli errori toscani lanciano le rosa sul 22-17. Antonijevic perde la bussola fidandosi troppo di Cuttino da seconda linea e perdendo la misura degli inviti tanto da costringere Gaspari al time out sul 23-21. Fortunatamente Scandicci non vuole perdere la gara a chi sbaglia di più e Milenkovic cestina la palla del 23-22 prima che il muro rimando al mittente l'attacco ad occhi chiusi di Stysiak per il 25-21.

4 set - Stysiak rileva definitivamente Sloetjes ma Mencarelli è costretto al time out sul 7-4 locale che pare indirizzare i tre punti. Le ospiti riprendono subito il filo del discorso con Kakolewska che rileva Lubian e piazza subito i due punti dell'ex mentre Bosetti copre il giro dietro di Milenkovic nella parte centrale del set. Casalmaggiore non demorde, aiutata da qualche pasticcio ospite che panchina Malinov per Carraro (14-11) ma non riesce a scappare punita puntualmente dalle toscane ad ogni imperfezione. Gli errori della formazione toscana sembrano concedere alla E'Più Pomì il vantaggio defintivo sul 19-16 del time out ospiti ma l'autolesionismo delle padrone di casa si manifesta nel turno al servizio di Lucia Bosetti che, nonostante conceda tre free ball di fatto alle rosa provoca il 19-19 del time out Gaspari. L'errore di Pietrini per il 22-19 sembra una sentenza ma guai a dare per scontati certi vantaggi ed infatti Kakolewska punisce Casalmaggiore sino al 22-22. Carcaces vale il primo match point ma cestina la ricostruzione che varrebbe tre punti sul 24-23. Inizia un match nel match ai vantaggi con le rosa che non sfruttano le mille occasioni di chiudere, Scandicci che sorpassa guadagnandosi quattro set point convertiti sull'errore di Carcaces per il 30-32 che impone il tie break.

TIE BREAK - Cuttino prova a farsi perdonare con gli acuti che lanciano Casalmaggiore sul 5-2 ma il margine è troppo sottile e Kakolewska rosicchia punti sino al 7-6 e Pietrini firma l'8-8 e le rosa sembrano cadere nel baratro con errori banali che accorciano la via che porta Scandicci a 15 sull'8-10. Il muro di Popovic illude sul 10-10 ma l'ace di Kakolewska lancia definitivamente le ospiti sul 10-13 del time out Gaspari che di poco anticipa il definitivo 12-15.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

13 Ottobre 2019