Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Comunicato Stampa: CRV - Votate diverse Mozioni nel pomeriggio

Agenzia Ansa comunicati

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

23 Febbraio 2022 - 17:31

Comunicato Stampa: CRV - Votate diverse Mozioni nel pomeriggio

(Arv) Venezia 23 feb. 2022 -   Alla ripresa dei lavori, nel pomeriggio, il Consiglio regionale del Veneto ha votato all’unanimità la Mozione n. 153, illustrata in aula dal primo firmatario,  Laura Cestari  (Lega/LV), “Liceo musicale: venga istituito anche in provincia di Rovigo”. Il provvedimento impegna la Giunta regionale a intervenire presso il Governo affinché si attivi in tempi rapidi a istituire, quanto prima, un Liceo Musicale anche in provincia di Rovigo, per venire incontro alle esigenze di numerosi studenti.

Via libera unanime alla Mozione n. 225, presentata dal primo firmatario,  Arturo Lorenzoni  (Portavoce Opposizione), “La Regione attivi un nucleo specialistico regionale di supporto alla partecipazione dei bandi del PNRR da parte dei piccoli comuni”. La Mozione impegna la Giunta regionale: ad attivare, in tempi strettissimi, presso gli uffici regionali, un gruppo specialistico di supporto alla redazione dei progetti da parte dei piccoli comuni del Veneto, recependone le idee e trasformandole in una progettualità capace di accedere ai finanziamenti nazionali; a effettuare la scelta del Borgo destinatario dei finanziamenti previsti dalla Linea A coinvolgendo la commissione consiliare competente e comunque sulla base di criteri oggettivi trasparenti e utili a generare il maggiore impatto positivo. L’Assessore regionale  Calzavara  è intervenuto assicurando “l’impegno di essere sempre più vicini alle amministrazioni comunali ma in un contesto di progettualità regionale: stiamo costituendo un ufficio in funzione dei Bandi che stanno arrivando mese dopo mese da Roma”.

Votata all’unanimità la Mozione n. 224, illustrata in aula dal primo firmatario,  Enoch Soranzo  (FdI), “La Giunta si faccia parte attiva presso il Governo affinché si introducano misure utili al sostegno dei centri fitness”.Il provvedimento propone di defiscalizzare le spese sostenute dagli utenti per i biglietti e gli abbonamenti delle palestre; di introdurre un “voucher fitness” così come quello già disposto per le strutture termali; di prevedere incentivi fiscali sulle spese sostenute per l’adeguamento delle strutture e delle attrezzature.

È stata inoltre votata la Mozione n. 226, affine alla precedente, presentata dal primo firmatario,  Elisa Venturini  (FI), “La Regione Veneto si attivi per sostenere con adeguate risorse i centri fitness per consolidare e promuovere la pratica sportiva”.

Via libera unanime alla Mozione n. 218, presentata dal primo firmatario  Elisa Venturini  (FI), “La Regione si attivi presso il Governo affinché siano approvate urgenti misure di sostegno a favore delle aziende avicole colpite dall’influenza aviaria e adotti autonome misure di sostegno”. Il provvedimento impegna la Giunta regionale: a farsi parte attiva presso il ministero delle Politiche Agricole e, per suo tramite, presso la Commissione europea, affinché siano avviate quanto prima le procedure per l’introduzione di misure di sostegno a favore degli allevamenti avicoli colpiti dall’insorgenza di influenza aviaria; a valutare l’approvazione di ulteriori e urgenti misure di aiuto a favore degli allevamenti avicoli colpiti dall’insorgenza di influenza aviaria a carico del bilancio regionale, anche per prevenire l’insorgere e il diffondersi della malattia. Le misure dovranno essere compatibili con la normativa europea in materia di aiuti di Stato a finalità regionale.

 

Via libera unanime anche alla Mozione n. 215, illustrata dal primo firmatario  Nicola Finco  (Lega/LV), “La Regione si impegni ad estendere l’anzianità massima prevista per i mezzi adibiti all’attività di trasporto sanitario”. La Mozione impegna la Giunta regionale a estendere, previa verifica dell’idoneità e sicurezza dei mezzi adibiti all’attività di soccorso o di trasporto, il periodo di anzianità di servizio, al fine di garantire l’utilizzo dei mezzi ancora funzionali a tale servizio e non ancora obsoleti.

Approvata all’unanimità la Mozione n. 190, presentata dal primo firmatario,  Simona Bisaglia  (Lega/LV), “Vittime del lavoro: le rendite ai superstiti non siano conteggiate ai fini ISEE e siano rivalutate al 60 percento”. La Mozione impegna la Giunta regionale a farsi portavoce presso il Governo affinché le rendite in favore dei superstiti siano rivalutate al 60 percento, come già avviene per le pensioni di reversibilità INPS, e che la rendita ai superstiti INAIL non sia conteggiata nel reddito rilevante ai fini ISEE.

“I dati sono riferiti a ottobre 2021 ma il tema è purtroppo assolutamente attuale, alla luce dei numerosi casi di infortuni sul lavoro, anche in itinere, e di malattie professionali, sempre crescenti”, ha chiarito Bisaglia.

Approvata all’unanimità la Mozione n. 151, presentata dal primo firmatario,  Andrea Zanoni , “La Giunta intervenga presso il Governo affinché la Procura distrettuale antimafia di Venezia venga dotata di organici, magistrati e personale amministrativo, adeguati alle dimensioni e all'importanza dell'attività economica nel Veneto”.

La Mozione, che tiene conto del lavoro e degli strumenti conoscitivi acquisiti durante i lavori della commissione consiliare Legalità, anche attraverso diverse audizioni, impegna la Giunta regionale a intervenire presso il Governo affinché: provveda ad un adeguamento della pianta organica magistrati della Procura distrettuale di Venezia in modo che essa risponda finalmente al reale peso economico e alla realtà imprenditoriale del territorio Veneto; vengano adottate misure per una celere copertura della pianta organica, anche provvedendo all’indizione di nuovi concorsi in Magistratura e alla rapida assunzione dei vincitori; si doti la Procura della Repubblica di Venezia di personale amministrativo in misura sufficiente al supporto dell’azione dei magistrati, permettendo l’organizzazione di concorsi regionali che agevolino la permanenza del personale neoassunto o eventualmente adottando misure idonee a limitarne la mobilità in uscita.

Votata in modo unanime, dopo il via libera a due emendamenti, la Mozione n. 164, relazionata in aula dal primo firmatario, il vicepresidente  Francesca Zottis , “Un parassita sta distruggendo le foreste delle nostre montagne. La Giunta intende intervenire con misure immediate ed efficaci per fermare il bostrico?”. La Mozione impegna la Giunta regionale: ad attivarsi presso i ministri competenti, in particolare quello per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e quello per i beni, le attività culturali e il turismo, affinché mettano i territori nella condizione di porre in essere quanto previsto dalla Legge 234/2021 (Legge di Bilancio), articolo 1, comma 850, e di mettere in atto azioni adeguate, soprattutto per realizzare piste di esbosco e impianti di teleferica; a erogare adeguati sostegni economici agli Enti Locali e ai privati per il taglio e l’esbosco degli alberi; a prevedere un adeguato ristoro per la bonifica e il successivo reimpianto di abeti bianchi, rossi e larici.

Approvata all’unanimità la Mozione n. 241, relazionata in aula dal consigliere  Tomas Piccinini  (VA), “Il Governo ritiri i provvedimenti contenuti nell'art 26 del DL 'sostegni ter' relativi a nuovi e stringenti vincoli per la cessione del credito di imposta derivante da superbonus, ecobonus, bonus ristrutturazioni, sisma bonus e bonus facciate”.

“Preso atto che il Governo, con il Decreto Legge ‘Misure urgenti per il contrasto delle frodi in edilizia’, emanato dal Consiglio dei ministri in data 18 febbraio 2022, ha fatto un parziale passo indietro in materia di cessione dei crediti di imposta, pur tuttavia, con questo provvedimento, per combattere le truffe, viene chiesto di introdurre un prezziario unico nazionale di riferimento e un sistema di qualificazione e di registrazione delle aziende edili virtuose, con apposito albo, come unici soggetti abilitati all’esecuzione di opere edili che consentiranno la fruizione dei bonus, come proposto dal presidente ANCI nazionale. Questo, per favorire le imprese virtuose, che nel corso degli anni hanno sempre lavorato bene, rispettato la legge e pagato le tasse”, ha spiegato Piccinini.

La responsabilità editoriale e i contenuti di cui al presente comunicato stampa sono a cura di CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Mediagallery

Prossimi EventiScopri tutti gli eventi