Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

Comunicato Stampa: CRV - Consiglio autonomie locali: ok a limiti su impianti fotovoltaici a terra

Agenzia Ansa comunicati

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

12 Luglio 2021 - 17:00

(Arv) Venezia 12 lug. 2021 – Parchi fotovoltaici e l’insediamento di nuove strutture commerciali sono stati i temi che più hanno catalizzato l’attenzione del Consiglio delle autonomie locali, riunitosi in videoconferenza, per valutare le proposte di legge attualmente al vaglio del Consiglio regionale e che impattano sulle amministrazioni locali

Il ‘parlamentino’ dei rappresentanti di Comuni, province, Città metropolitana di Venezia e Unioni montane, guidato dal presidente della Provincia di Padova Fabio Bui, ha accolto con favore unanime il progetto di legge depositato da Lega e FdI “"Individuazione delle aree inidonee e idonee alla realizzazione di impianti fotovoltaici con moduli ubicati a terra", illustrato da Roberto Bet (ZP). Il progetto di legge rappresenta una novità nel panorama legislativo delle Regioni – ha spiegato il primo proponente – e nasce dell’esigenza di tutelare i terreni agricoli del Veneto stabilendo aree protette, distanze minime tra impianti e limiti ai Kw prodotti. Sebbene ci sia il rischio di impugnativa da parte della Corte Costituzionale - ha avvertito Bet - visto che l’energia è materia concorrente tra Stato e Regioni, ci sono recenti sentenze del Consiglio di Stato che riconoscono la competenza delle Province nella programmazione puntuale e quella della Regione nella procedura di valutazione di impatto ambientale. La proposta di legge, che lo stesso relatore ha presentato ancora in fase di definizione, mira a coniugare gli ambiziosi obiettivi energetici 2030 con la sostenibilità ambientale e la tutela del suolo coltivabile. Nel confronto tra amministratori il presidente della Provincia di Rovigo Ivan Dall’Ara ha sollecitato una rapida approvazione di una disciplina organica per gli impianti fotovoltaici che chiarisca il ruolo delle Province, anche a tutela dei loro amministratori. Anche per la sindaca di Occhiobello, Sondra Coizzi, una futura disciplina degli impianti fotovoltaici a terra dovrà tener conto dell’impatto ambientale, delle infrastrutture e dei costi di smaltimento dei pannelli. Dal canto suo il sindaco di Villaverla Ruggero Gonzo ha ribadito l’esigenza prioritaria di tutelare l’attività agricola, soprattutto nelle aree di pregio, e di tenere la ‘barra dritta’ con l’obiettivo di contenere il consumo di suolo. “Meglio privilegiare la copertura di edifici con pannelli sia nelle aree urbane che in quelle agricole, in modo da non consumare ulteriore suolo”, ha suggerito il sindaco di Spinea, Martina Vesnaver.

Il Consiglio delle autonomie locali ha poi dato parere favorevole al progetto di legge che istituisce il sistema di economia circolare in Veneto, presentato dal presidente del Consiglio veneto Roberto Ciambetti. L’iniziativa legislativa – ha sottolineato il presidente dell’assemblea legislativa veneta - promuove la riduzione dei rifiuti e il recupero degli scarti, forme di sostegno alle energie rinnovabili e alla green economy nonché alla transizione ecologica, secondo un percorso di governance condivisa che vedrà gli enti locali protagonisti nella pianificazione e nella realizzazione dei progetti.

Via libera, inoltre, all’assestamento per 13 milioni 470 mila del bilancio 2021 della Regione Veneto, illustrato dall’assessore Francesco Calzavara.

 

Dopo una serie di approfondimenti puntuali, è stato invece rinviato, per mancanza del numero legale, il parere alla proposta depositata da Elena Ostanel (Il Veneto che vogliamo) in materia di "Politiche per lo sviluppo del sistema commerciale nella Regione del Veneto”. La proposta legislativa affida ai Comuni maggiori poteri al fine di contenere la proliferazione delle strutture di vendita sotto i 1500 metri quadrati di superficie introducendo anche forme di sanzione per i comuni che favoriscano in qualche modo l’aggregazione di più strutture di piccola dimensione con il risultato di dare via libera a ‘parchi’ commerciali. “Cerchiamo piuttosto di differenziare la normativa per i piccoli paesi di montagna – ha invitato Ornella Noventa, sindaco di Lamon - che hanno bisogno di favorire e incentivare l’insediamento di piccole attività commerciali”. Anche per Alberto Cappelletto, sindaco di San Biagio di Callalta, gli esercizi di vicinato rappresentano una “opportunità di riqualificazione di aree a rischio degrado o spopolamento” e i Comuni non dovrebbero essere penalizzati nel caso di autorizzazioni multiple. Per il sindaco di Maser Claudia Benedos, vicepresidente del Cal, invece, “ben venga una norma che responsabilizzi i comuni nella programmazione urbanistica ed eviti i ‘parchi commerciali’”. Il parere finale sulla proposta di legge Ostanel verrà espresso lunedì prossimo, quando il Cal tornerà a riunirsi – prima della pausa estiva - per esprimere il proprio parere di competenza sui provvedimenti ancora in itinere in Consiglio.

La responsabilità editoriale e i contenuti di cui al presente comunicato stampa sono a cura di CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Prossimi Eventi

Tipologia Sagre/Mercatini/Fiere

Eatinero Cremona

Data di inizio 24 Settembre 2021 - 18:00

 

Mediagallery

VideoGallery