Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

VERSO LE AMMINISTRATIVE

Quattro candidati sindaco rischiano l'ineleggibilità

Sono Torchio e Cerasale (Bozzolo), Cavazzini (Piadena) e Malinverno (Calvatone)

Francesco Pavesi

Email:

fpavesi@cremonaonline.it

01 Maggio 2014 - 11:25

Quattro candidati sindaco rischiano l'ineleggibilità

Quattro candidati sindaco del casalasco sarebbero ineleggibili alle prossime elezioni amministrative del 25 maggio. Si tratta di Giuseppe Torchio e Davide Cerasale (che ambiscono al Comune di Bozzolo), Ivana Cavazzini (per Piadena) e Mara Malinverno (per Calvatone).

Il motivo? Nel Testo Unico degli Enti Locali (Legge 267/2000) è scritto, all'articolo 60 comma 12, che sono ineleggibili sindaci, consiglieri comunale e provinciali che sono in carica in un altro comune. Questo se non hanno dato le dimissioni dalla carica entro il 26 aprile.

In effetti, Torchio risulta essere consigliere comunale a Spineda e consigliere provinciale a Cremona; Cerasale è l'attuale sindaco di Rivarolo Mantovano; Cavazzini è primo cittadino di Drizzona; Malinverno è consigliere comunale di minoranza a Piadena,

La norma. Ecco cosa recita l’articolo 60 circa l’ineleggibilità alla carica di sindaco. «Non sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale: i sindaci, presidenti di provincia, consiglieri comunali, provinciali o circoscrizionali in carica, rispettivamente in altro comune, provincia o circoscrizione... Le cause di ineleggibilità... non hanno effetto se l’interessato cessa dalle funzioni per dimissioni, trasferimento, revoca dell’incarico o del comando, collocamento in aspettativa non retr-buita non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400