Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

CASALMAGGIORE

Punto fatale: un’altra vittima

«Ma non è cambiato niente». Dopo la morte della 31enne in bici polemiche sui social: nel 2019 travolta e uccisa una 66enne

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

24 Dicembre 2020 - 08:28

Punto fatale: un’altra vittima

CASALMAGGIORE (24 dicembre 2020) - Non è stata ancora fissata la data delle esequie della 31enne ciclista di nazionalità albanese, residente a Casalmaggiore, che martedì pomeriggio ha perso la vita lungo la provinciale 420 Sabbionetana. La Procura della Repubblica di Cremona ha già rilasciato il nullaosta alla sepoltura, ma sino alla serata di ieri non era stato deciso ancora nulla al riguardo dell’ultimo saluto alla giovane donna, la cui salma si trova nell’obitorio dell’ospedale Oglio Po. La famiglia tiene un profilo di grande riservatezza, ma pare che l’ultimo addio possa tenersi in Albania.
Intanto, il dolore per la improvvisa scomparsa della 31enne si accompagna a numerose riflessioni e scambi di opinioni, a volte anche accese, come capita in questi casi, sulla criticità della zona in cui è avvenuto l’incidente stradale. Una tragedia fotocopia di quella avvenuta il 14 novembre 2019, nello stesso punto, un attraversamento-scorciatoia utilizzato da tantissimi per raggiungere dalla via Bassa di Vicomoscano il parcheggio del Centro Commerciale Padano e dell’Eurospin, o anche le attività presenti nella zona. Che nel corso del tempo sono andate aumentando e parallelamente si è incrementato il viavai. Lì non ci sono strisce pedonali ma soprattutto quello che manca, come osservano in tanti, è una illuminazione efficace che potrebbe aiutare molto le condizioni di visibilità per tutti. Ci sono due pali della luce, dalla parte del parcheggio, ma sono spenti. L’anno scorso perse la vita una 66enne, pure travolta da una autovettura, mentre attraversava la strada, com’è capitato martedì.
Com’era logico attendersi, sono divampate le polemiche su quanto avvenuto, proprio perché da quel 14 novembre 2019 nulla è cambiato. E diversi cittadini adesso pretendono che qualche risposta venga data.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400