Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

INFRASTRUTTURE DEL TERRITORIO

Scatta la paura del maxi ingorgo

A Casalmaggiore si scaricherà parte del traffico del ponte Verdi

Cinzia Franciò

Email:

cfrancio@laprovinciacr.it

23 Luglio 2020 - 07:35

Scatta la paura del maxi ingorgo

CASALMAGGIORE (23 luglio 2020) - In seguito alla prevista chiusura per due mesi del Ponte Verdi sul Po tra San Daniele e Roccabianca è previsto un aumento della circolazione stradale sul ponte di Casalmaggiore-Colorno. Le conseguenze, secondo quanto prevede il sindaco Filippo Bongiovanni, non dovrebbero essere però particolarmente pesanti: «Ci attendiamo un aumento di circa 1500-2000 mezzi in più al giorno. Una circostanza del genere si era già verificata in passato e non avevamo registrato delle ripercussioni significative sul traffico della nostra zona. Peraltro siamo in un periodo pre-agostano in cui i volumi dei mezzi in transito sono ridotti. Molti mezzi, poi, preferiranno andare verso Cremona, via autostrada o strade provinciali».
Non c'è, insomma, una particolare preoccupazione legata a possibili ripercussioni per l'aumento dei veicoli.

Dal canto suo, il presidente del Comitato TrenoPonteTangenziale, Paolo Antonini, osserva: «È passato oltre un anno dalla riapertura del ponte di Casalmaggiore. Vorremmo capire se le Province di Parma e di Cremona nel frattempo hanno effettuato delle verifiche di staticità, visto che i sensori ancora non ci sono. Un po’ di preoccupazione per l’aumento del traffico previsto da lunedì noi l’abbiamo. Circa l’80 per cento dei veicoli dirottati dovrebbe arrivare a Casalmaggiore, il resto andrà a Cremona».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400